20 gennaio 2013

FC Union Pro - Città di Musile 1-0

FC Union Pro - Città di Musile 1-0
marcatore: Luise al 33'pt


FC Union Pro:
1 Noè, 2 Bonotto, 3 Franceschinis, 4 Lorenzatti, 5 Franchetto, 6 Stradiotto, 7 Casarotto (17 Trevisan dal 39' st), 8 Luise, 9 Basso (14 Cecchetto dal 31'st), 10 Manzan, 11 Fiacchi.
All. Sig. Francesco Feltrin
A disposizione:
12 Freschi, 13 Nobile, 14 Cecchetto, 15 Chinellato, 16 Giurin, 17 Trevisan, 18 Comin

Città di Musile:
1 Venturato D., 2 Mariuzzo (13 Bisiol dal 40'pt), 3 Cibin S., 4 Boem , 5 Cibin G. (15 Mazzon dal 5'st), 6 Perissinotto, 7 Teso, 8 Burato, 9 Marangon, 10 Tegon, 11 Franchellucci (17 Nogaretto dal 27'st).
All. Sig. Marco De Nobili 
A disposizione:
12 Marton, 13 Bisiol, 14 Grandin, 15 Mazzon, 16 Venturato A., 17 Nogaretto

Arbitro: Sig. Pacilio Cuono di S. Donà

Note: Ammoniti Manzan al 15'st, Cibin S. (CM) al 16'st, Burato (CM) al 24'st, Casarotto al 33'st, Marangon (CM) al 35'st.  Angoli: 4-4


Non si ferma più la rincorsa dell'Union Pro che supera anche il Musile continuando così a rosicchiare punti preziosi alle dirette concorrenti per la promozione diretta. Una vittoria che certifica il grande stato di forma della squadra di Feltrin nella quale anche i centrocampisti, favoriti dalle giocate dei nostri attaccanti, vanno a cercare e a trovare il gol e dove i difensori neutralizzano sul nascere ogni pericolo. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: 12 punti, 8 gol realizzati e nessuno subito nelle ultime quattro partite con la nostra difesa che da stasera diventa la meno battuta di tutto il girone. Eppure i numeri da soli non bastano per vincere, è il gioco che continua a impressionare e a divertire i tifosi locali e avversari durante le ultime apparizioni dell'Union Pro che, oggi in particolare, è stata più forte anche delle assenze e del terreno di gioco ai limiti della praticabilità. Le incessanti piogge delle ultime ore (che hanno risparmiato solo la prima parte dell'incontro) hanno infatti reso un acquitrino il comunale di Preganziol penalizzando di fatto il gioco palla a terra dei nostri ragazzi che si sono salvati grazie alla loro condizione di forma schiacciando l'avversario anche dal punto di vista fisico. Nell'undici iniziale spiccano le assenze di Comin (per la prima volta in panchina dall'inizio del campionato per un affaticamento), Baratella (out 2 settimane per uno stiramento) e Cagnato (squalificato). Al loro posto rivedono il campo dal 1' Fiacchi e Manzan mentre a centrocampo fa il suo esordio in prima squadra il 16enne Casarotto, già autore di 6 centri con gli allievi regionali. Sin dai primi minuti Manzan dimostra di avere tanta voglia di sfruttare la chance concessagli dal mister e si danna l'anima partendo largo a destra e riuscendo spesso ad arrivare al cross come gli riesce al 6' quando serve Luise, stoppato solo dal piedone del difensore avversario. Passano due minuti e il copione si ripete: Manzan sulla destra conquista palla all'altezza della trequarti e serve Basso in area di rigore, Simone si gira molto bene e indirizza il pallone sul primo palo ma Venturato si supera con un riflesso prodigioso. Al 15' lancio di Luise a cercare Manzan che riesce a eludere l'intervento di due avversari e da ai tifosi l'illusione del gol sfiorando appena il palo più lontano. L'Union Pro è travolgente in questo inizio partita e riesce a sfondare specie sulla destra dove anche Bonotto si fa vedere al 18' quando entrato in area vede il movimento di Basso che conclude di prima intenzione: sembra fatta ma ancora una volta è decisivo Venturato che compie un altro grande intervento con la mano di richiamo. Al 23' sul primo corner per i nostri Franchetto stacca più in alto di tutti anticipando anche il portiere ma senza riuscire a schiacciare la sfera che finisce alta. Il gol è nell'aria e arriva al 33' con l'ennesima azione sulla destra, dove Bonotto e Basso si scambiano palla in velocità con quest'ultimo che, una volta trovata la linea di fondo, alza la testa e accortosi del movimento di Luise, lo serve all'indietro con un preciso cross che il centrocampista impatta di testa regalando all'Union Pro il meritatissimo vantaggio. I ragazzi potrebbero chiudere l'incontro già al 42' quando Basso si invola in velocità sulla sinistra e dopo una cavalcata di 40 metri serve il liberissimo Manzan, che perde però il momento buono per il tiro e tentando di scartare il portiere si fa chiudere in corner dal recupero del difensore avversario. Prima della fine del primo tempo registriamo anche l'iniziativa di Casarotto, che al 44' sfrutta una sponda di Basso e va al tiro dal limite con grande personalità sfiorando il palo alla destra di Venturato. Dopo il riposo il Musile entra finalmente in partita e nei primi minuti guadagna 4 angoli consecutivi senza però impensierire la nostra attenta retroguardia. La “sveglia “ a questo inizio un po' soporifero se paragonato al primo tempo tempo, prova a darla Basso che esplode il tiro dal limite al 9' senza però riuscire a centrare lo specchio. Ancora Simone è pericoloso al 13' quando sfrutta una palla recuperata da Fiacchi ma, dopo aver scambiato con Manzan, viene murato sulla successiva conclusione ravvicinata. Al 25' Noè si fa notare per una bella uscita su Franchellucci che si era pericolosamente involato verso la nostra porta sfruttando un preciso lancio di Boem ma un minuto dopo è ancora l'Union Pro a rendersi pericolosa grazie a un tiro di Luise che non riesce a festeggiare la doppietta per una questione di centimetri. Nel finale la stanchezza prende il sopravvento sulla squadra che si è battuta con coraggio e determinazione in un campo sempre più pesante e reso difficile dalle continue buche e il fango che vanno espandendosi ma ciò nonostante tiene duro fino all'ultimo. L'ingresso di Cecchetto al posto di uno stremato Basso rinforza ulteriormente la difesa mentre Manzan, rimasto a battersi da solo in avanti, conferma la sua bravura in fase di appoggio mandando al tiro al 35' il bravo Casarotto che impegna ancora una volta l'attento Venturato prima di ricevere gli applausi da tutto lo stadio due minuti più tardi lasciando il posto a Trevisan. Il Musile effettua l'unico tiro in porta al 94' e per poco non riesce nella beffa in quanto Tegon, sfruttando l'unico buco concesso dalla nostra difesa, si coordina bene con un tiro al volo che fa tremare la traversa e ricorda a tutti che il calcio non è una scienza esatta dove il migliore in campo a fine partita porta sempre a casa l'intera posta in palio. Stavolta è andata bene ma sappiamo che i prossimi impegni saranno decisivi: calendario alla mano le prossime sei partite dei nostri ragazzi saranno tutte contro squadre che lotteranno per non retrocedere direttamente o per evitare i playout, sarà fondamentale quindi evitare sorprese per cercare di rimanere più in alto possibile e riuscire a giocarsi tutto a primavera negli scontri diretti contro le migliori formazioni del campionato.

2 commenti:

  1. Il Calvi perde 2-0 a Villorba e il CareniPievigina pareggia 1-1 dunque si recuperano rispettivamente 3 e 2 punti: classifica S.Giorgio 35, Calvi e CarPiev 33, U&P 30

    RispondiElimina
  2. grande up ma i soliti gol sbagliati

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.