13 gennaio 2013

LE PAGELLE DEL PRES : SAN GIORGIO 0 - FC UNION PRO 3

Per i coraggiosi tifosi della Union Pro  ( e non erano pochi ! ) che hanno sfidato la distanza ed il freddo della giornata invernale  per ritrovarsi nella tana della capolista San Giorgio, imbattuta tra le mura amiche, oggi è stata una di quelle giornate da ricordare. I ragazzi di Checco Feltrin erano consapevoli che perdere oggi avrebbe significato ritrovarsi ad 11 punti dalla testa della classifica , virtualmente tagliati fuori dalla corsa al vertice. Altrettanto certa era però la volonta dei ragazzi di vendere cara la pelle. Chi aveva infatti seguito da vicino la nostra squadra negli ultimi tempi aveva notato piccoli segnali, sfumature che per chi  è pratico di spogliatoio volevano dire che il gruppo si sta sempre più ritrovando e compattando ed ognuno  sta acquistando fiducia nelle capacità dell' altro e tutti insieme ci si sente sempre più coinvolti e consapevoli della forza che anche a livello societario la nostra nuova realtà sta acquistando. Sicuramente questa sosta natalizia prolungata è stata sfruttata nel migliore dei modi anche dai dirigenti ( in primis i due Pres ) e  da tutte le persone che collaborano nel nuovo progetto per conoscersi meglio, per crescere nella stima ognuno nell' altro. Non vedo gelosie nè protagonismi ed ognuno , per il proprio compito, cerca di dare il meglio. Questo  è quello che bisogna fare per crescere sempre più anche in questo 2013 !  La compattezza di tutti , squadra, dirigenti, tifosi, si è vista oggi in campo. I nostri hanno sofferto e stretto i denti nel primo quarto d' ora, con la solita partenza a razzo dei padroni di casa che ci hanno pressato alto e ci hanno messo in difficoltà, pur senza mai essere pericolosissimi. Poi i Nostri, aggrappandosi alla vera forza della squadra, che è il gioco di Checco Feltrin, si sono scrollati di dosso le paure ed hanno cominciato a menare la danza, con ritmi alti  e gioco ad uno o due tocchi, spesso rasoterra, con tagli con i tempi giusti dei nostri attaccanti che hanno cominciato a far andare in affanno una difesa fortissima come quella del San Giorgio con un portiere come Antole di ottimo livello e due centrali difensivi di grande efficacia ed esperienza come Bez ed Antoniol . E dopo un paio di fuorigioco su scatti  brucianti di Lele Comin apparsi inesistenti e l' occasionissima fallita sottomisura sempre da  Lele, protagonista di una serpentina ubricante che lo ha liberato davanti al portiere che lo ha ipnotizzato, facendogli tirare centralmente, i Nostri  hanno continuato a macinare belle ed avvolgenti azioni , con i terzini a sostegno, con il solito Federico Lorenzatti protagonista in mezzo al campo a dettare i tempi, con la corsa di tutti ma stavolta anche con due punte in grande giornata. Così è nato il primo gol, splendido, con palla riconquistata dal Peluca che ha servito rasorra Lele Comin defilato sulla destra, taglio a velocità vertiginosa palla al piede fino dentro l' area sul fondo , pallone servito rasoterra indietro con i tempi giusti e Simone Basso che si fa trovare al posto giusto e scaraventa in rete. Poi altre due occasionissime, sempre con Lele  Comin che , solo davanti al portiere, non riesce nuovamente a batterlo, e poi con Ale Franchetto,  che in area, su corta respinta del portiere su calcio d' angolo , si ritrova la palla sui piedi ma  non riesce a ribadirla in rete. Sul finale del tempo è ancora Basso, davvero scatenato e galvanizzato dal gol che supera in tromba il centrale difensivo Bez e, da ultimo uomo, viene atterrato al limite, con il San Giorgio che resta fatalmente in 10. Si termina sull' uno a zero e noi tifosi speriamo che i gol mangiati nel primo tempo non vengano pagati nella ripresa... Ma ci  pensano i nostri ragazzi a fugare ogni dubbio e, nel primo quarto d' ora della ripresa, mettiamo a segno un uno-due devastante, con Lele Comin, che lanciato in profondità sul filo del fuorigioco da Simone Basso  si presenta davanti ad Antole e lo trafigge con un preciso diagonale, e poi con Basso, che lanciato splendidamente da Bonotto si gira e si rigira fino a centrare con un grande diagonale l' angolino alla sinistra di Antole.
Poi i Nostri cercano di controllare il risultato e la concentrazione scendo un poco, permettendo i padroni di casa di confezionare un paio di palle gol, con una traversa scheggiata ed un diagonale di pochissimo fuori, ma un sempre più sicuro Enrico Noè oggi la palla non la vuole fare entrare e resta imbattuto fino alla fine. Potrebbe segnare anche il Mansa che , ben lanciato dal Trevi va via in velocità e supera anche il portiere ma si defila un poco ed il suo tiro viene respimto in scivolata sulla linea dal recupero del loro centrale Antoniol. Esultiamo convinti al triplice fischio ... Al di là della vittoria, fa ben sperare lo spirito ritrovato dai ragazzi e la compattezza della squadra. Ora ci attendono delle conferme, perchè poco cambia in classifica, con i Nostri sempre al quarto posto. Per cui bisogna continuare con questa voglia e questo spirito, senza mollare un millimetro, ma anzi migliorandosi ancora.  Ma ora sappiamo che possiamo anche provare a risalire !!

Eccovi le mie pagelle dalla montagna :

NOE' : sventa in due tempi una insidiosa conclusione dopo pochi minuti dei nostri avversari e fa subito vedere che oggi non sarà facile batterlo. Regge l' urto fisico degli avversari anche sugli angoli, dirige la difesa con calma ed è sempre concentrato. Poi anche un pò di fortuna nel finale su due conclusioni ospiti che sfiorano la marcatura. Ma oggi Enrico  aveva abbassato  la saracinesca della nostra porta e  centra la terza partita consecutiva senza prendere gol. Non si può chiedere di più !
BONOTTO : Bonny, rimesso sulla destra per la mancanza di Ziliotto,  parte un pò in affanno , ma poi a poco a poco comincia a carburare ed a spingere sulla fascia, lasciando le briciole agli avversari, anche in fase difensiva.  Nel secondo tempo difende con lo spirito giusto ed attacca con sfrontatezza ed è anche  protagonista nel terzo gol. Argento vivo !
FRANCESCHINIS : frenato da qualche piccolo contrattempo fisico in questa pausa, il France non è ancora al meglio. Qualche incertezza difensiva, con il forte  Sitran molto pericoloso dalle sue parti, ma se la cava sempre in qualche modo e anche con un pò di fortuna nel secondo tempo. Prova anche a spingere e suoi sono anche un bel paio di cross nel primo tempo . Nel secondo si propone meno e chiude stanco, ma sicuramente soddisfatto della sua prova e di quella della sua squadra, che non finisce mai di spronare. Fondamentale !
LORENZATTI : ci spiace per gli altri ma El Peluca ce l' abbiamo noi !! Chiude, imposta, rifinisce, tutto con la stessa sapienza tattica abbinata a grinta. Prende per mano la squadra dopo un primo quarto d' ora difficile e da lui nasce spesso il nostro gioco, bello a vedersi ma oggi finalmente anche efficace. Anche l' assist del primo gol a colorare d' oro una partita maiuscola. Dominatore.
FRANCHETTO : probabilmente la migliore prestazione dell' anno del nostro centralone, che è sempre al posto giusto al momento giusto, ed insuperabile sia di testa che di piede, pur trovandosi di fronte avversari di valore come il temuto Herrera. In più Ale sa sempre far ripartire l' azione con la palla rasoterra oppure con il lancio calibrato, da vero regista difensivo. All' 85 registriamo il suo primo errore nel passaggio ! Ora è uno dei beniamini dei tifosi, che all' inizio a volte storcevano un pò il naso... Prestazione monstre.
STRADIOTTO : il Capitano si riprende il centro  della difesa e dopo qualche sbavatura iniziale, comincia a crescere in marcatura e nella posizione. Reattivo , di testa ed in scivolata è terribilmente efficace. Dalle sue parti non vuole far passare nessuno e così sarà fino alla fine. Poche parole ma molti fatti, come sempre !
BARATELLA : si sacrifica e corre tanto per la squadra . Nonostante il campo pesante e la partita dura, sa però anche per valere le sue doti tecniche e salta spesso l' avversario diretto. A volte difetta nella precisione e nella freddezza nell' ultimo passaggio, non appena avrà anche questa dote da giocatore già importante diventerà fondamentale ed in grado di spostare gli equilibri. Intanto bravo !
LUISE : è dappertutto, corre come un matto e non so ferma mai. Ha già da tempo capito che per affermarsi nel calcio dei grandi occorre lasciare spesso da parte la ricerca della finezza ( che però a volte esce naturale per chi come lui la tecnica ce l' ha istintiva ) e bisogna pedalare e rendersi utile per la squadra sia in fase di possesso ma ancor più in fase di non possesso. Sta imparando molto dai suoi compagni ed anche lui quando avrà acquisto la freddezza e la precisione dell' ultimo passaggio, sarà giocatore di altra categoria. Per intanto godiamocelo noi !
BASSO : il gol lo sblocca definitivamente. Già da tempo c' erano segnali di crescita ed oggi Simone è stato un grande protagonista in campo. Due gol ed un assist, ma anche belle giocate ( come quella che fa restare in dieci i nostri avversari ) ed un affiatamento sempre migliore con Lele Comin. Ora si intendono ad occhi chiusi . Decisivo, finalmente !
MANZAN : entra nel finale e dimostra di ricordarsi bene come si gioca davanti. Subito pericoloso, è protagonista di una grande azione nel finale che lo porta a sfiorare il gol dopo aver saltato il portiere. Giocatore comunque fondamentale di questa squadra che ha bisogno di tre attaccanti di valore. Sono sicuro che saprà essere protagonista.
COMIN : spacca la difesa avversaria con giocate e scatti in profondità da grande bomber. Parte già come una freccia sullo scarico del compagno, dettando il lancio e di fatto risulta immarcabile anche per due bravissimi centrali come quelli del San Giorgio. Si mangia un paio di gol, ma l'  assist sul primo gol ed la seconda rete sono suoi gioielli. Una punta da leccarsi i baffi, grande colpo di questa Union Pro. Ed a mio parere è di quei giocatori che crescendo migliorano, per cui deve ancora dare il meglio...
TREVISAN : entra nell' ultimo quarto d' ora e parte subito come un razzo, non smettando mai fino alla fine, dimostrando un' ottima condizione atletica. Ma sa anche farsi valere nel gioco e suo è un assist perfetto che scavalca il centrale avversario e mette il Mansa davanti al portiere. In crescita continua, può essere la sorpresa nel girone di ritorno. Forza Gamba di Legno !
CAGNATO : un poco al piccolo trotto nella fase iniziale, in cui fa un pò fatica a trovare la posizione giusta. Poi cresce a poco a poco, ed è protagonista sia di alcuni spunti sulla sinistra conclusi al cross, che di bei recuperi con grinta e caparbietà. Leader ma sempre umile ed a disposizione dei compagni, è uno su cui puoi sempre contare il Leo !
GIULIATO : entra e si posiziona subito bene, facendosi sentire con personalità da interno sinistro in mezzo al campo. Si sente  parte di questo gruppo e vuole farlo vedere sul campo.  Purtroppo risente nel finale di un' altra contrattura muscolare che gli farà perdere del tempo. Ma se continua con questa voglia saprà essere uno dei protagonisti quando il campionarto entrerà nel vivo . Forza Marco !

ALLIEVI REGIONALI : FC UNION PRO 0 - BELLUNO 1

Il calcio a volte è una scienza misteriosa. Oggi i nostri ragazzi hanno giocato per una intera partita alla pari con sprazzi anche di predominio e maggiore pericolosità degli avversari, terzi in classifica. Ma nel finale hanno forse risentito della fatica e di alcuni spostamenti di ruolo che non si sono rivelati azzeccati ed hanno lasciato l' intera posta nel recupero al Belluno, a cui è bastata una punizione da metà campo fatta spiovere in area ed un malinteso fra il nostro centrale, fino ad allora perfetto,  ed il portiere ( senza colpe a dire il vero, perchè la palla non l' aveva chiamata ) per portare a casa il golletto che ha risolto la partita. Al di là di questo, la prestazione dei ragazzi di Stefano Berto è stata senza dubbio in progresso rispetto a quella contro il Favaro, ma ancora non sufficiente sul piano del gioco, con troppi palloni giocati con precipitazione ed alti, con lanci lunghi dalla difesa su cui i difensori avversari avevano facilmente la meglio sui nostri attaccanti, che non sono dei giganti. La palla corre poco rasoterra, ed in possesso palla lo smarcamento è insufficiente. Quando uno dei nostri ha la palla, difficilmente si vede il compagno ( anzi deve essere più di uno )  che si smarca e si fa vedere per dettare e ricevere il passaggio rasoterra.  Pochi gli inserimenti senza palla dei centrocampisti, mai al tiro e mai in area avversaria, troppo bloccati nelle posizioni. Da migliorare il gioco sulle fascie. Pochi anche gli scarichi degli attaccanti che spesso si intestardiscono nel dribbling. Bene invece in fase di non possesso, dove andiamo ad aggredire con grinta e spesso riconquistiamo palla, forti oggi anche di un centrocampo più di incontristi che di tessitori di gioco.
C' è da applicarsi molto e provare di più in allenamento la fase di possesso palla e la ricerca del gioco. Ma sicuramente, conoscendo bene i ragazzi ad uno ad uno,  ci sono grandi margini di miglioramento, perchè i ragazzi si applicano con voglia per migliorarsi ed il gruppo è forte.
Ora domenica ci attende la difficile trasferta di Vedelago e l' occasione per riscattarsi subito è a portata di mano. Diamoci dentro !













5 commenti:

  1. ma i 96 perdono sempre????se avesse perso sempre la prima squadra l'avreste massacrata!o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come detto bene anche da Pietro Fiacchi nella sua intervista... nei giovani i risultati contano fino a un certo punto, nei grandi come è normale il discorso cambia

      Elimina
    2. nei 96 non c'è gruppo purtroppo e questo lo si vede anche dalla tribuna!!! il gruppo era stupendo ora non c'è più

      Elimina
    3. Diciamo che anche quel pizzico di fortuna latita, se a questo poi aggiungiamo i 3-4 gol sbagliati a partita è normale che poi si paga pegno.
      Il Belluno non è stato cosi superiore a noi da meritare i 3 punti. Il pareggio ci stava ma ecco che entra il ballo anche la dea bendata a punirci oltre ogni limite. A parte la sconfitta con il Favaro Marcon, le altre 3 hanno tutte la stessa matrice come quella di ieri, partite dominate e poi perse immeritatamente. Tutto questo per dire cosa, che con un po' più di fiducia nei propri mezzi e un pizzico di fortuna si può risalire in classifica, bisogna solo crederci ed essere convinti delle proprie capacità. Solo in gruppo e tutti insieme si può ritrovare lo smalto che ha caratterizzato l'inizio della stagione.

      Elimina
  2. Salutiamo anche il ritorno in campo ed al gol di Fabiano Biancato con la maglia del Martellago. Auguriamo a Fabiano di marcarne molti altri... ma non contro di noi !

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.