17 febbraio 2013

Laguna di Venezia - FC Union Pro 0-3




Laguna di Venezia - FC Union Pro 0-3
marcatori: Baratella al 17'st, Comin al 31' e 43' st.

Laguna di Venezia:
1 Gatto, 2 Sardegna (14 Costantini dal 3'st), 3 Handraj, 4 Valentini, 5 Gambin, 6 Romano, 7 Scultz, 8 Zennaro, 9 Peron, 10 Scaramal (17 Zanus dal 29'st), 11 Marchi (16 Visinoni dal 18'st).
All. Sig. Michele Mori 
A disposizione:
12 Seguso, 13 Barbaro, 14 Costantini, 15 Cenan, 16 Visinoni, 17 Zanus, 18 Cecchi

FC Union Pro:
1 Noè, 2 Bonotto, 3 Franceschinis, 4 Lorenzatti, 5 Franchetto, 6 Stradiotto, 7 Baratella (16 Fuxa dal 26'st), 8 Luise, 9 Basso, 10 Comin (18 Manzan dal 45'st), 11 Cagnato (15 Fiacchi dal 33'st).
All. Sig. Francesco Feltrin
A disposizione:
12 Freschi, 13 Ziliotto, 14 Cecchetto, 15 Fiacchi, 16 Fuxa, 17 Casarotto, 18 Manzan

Arbitro: Sig. Vendramini di San Donà

Note: Ammoniti: Scultz al 21'st Angoli: 1-6 


Preziosa affermazione dell'Union Pro che si prende tre punti in una trasferta insidiosa come quella di Murano ritrovando, specialmente nel secondo tempo, quell'intensità e livello di gioco che stanno conquistando sempre più ammiratori tra i tifosi e gli addetti ai lavori. Tra questi segnaliamo pure il giornalista della Nuova Venezia che a fine partita ha definito l'Union Pro come “la migliore squadra vista sin qui sul terreno muranese”. E dire che proprio il terreno di gioco è stato forse l'ostacolo più difficile da superare per i ragazzi di Checco Feltrin apparsi all'inizio piuttosto contratti e imbrigliati sia per le insidie del campo che per il pressing asfissiante del Laguna. I nostri avversari infatti partono a tutta e si difendono addirittura in sei dietro ai nostri attaccanti che per mezzora non riescono a rendersi pericolosi dalle parti di Gatto, provando inutilmente a risolvere la situazione con azioni personali senza esito. Per la verità neppure il Laguna combina molto: registriamo infatti un azione pericolosa solo al 21' con Zennaro che anticipa in area Stradiotto grazie a una conclusione di piede che non coglie impreparato Noè. Ecco invece al 30' il lancio lungo di Luise che mette in movimento Comin, il quale nel controllare palla favorisce l'inserimento da dietro di Basso, bravo ad effettuare un improvviso pallonetto che scheggia il palo alla sinistra del portiere. L'occasione scuote i nostri ragazzi che ci provano un minuto dopo grazie a una percussione di Franceschinis sulla sinistra, che però non trova compagni liberi sul suo filtrante in area di rigore. Si va così al riposo con i fantasmi di Codognè ben impressi nella memoria ma nella ripresa sarà tutta un'altra musica. I segnali si vedono subito tant'è che dopo pochi secondi Baratella riesce a indirizzare il primo tiro nello specchio della porta avversaria dove Gatto fa buona guardia. Ancora Baratella al 5' calcia un corner insidioso da sinistra e tra le maglie della difesa sbuca la testa di Stradiotto che non inquadra la porta per una questione di centimetri. Una clamorosa occasione capita invece sui piedi di Franceschinis al 10', quando il nostro terzino, liberato in area da un passaggio di testa di Lorenzatti, colpisce a botta sicura da pochi passi centrando in pieno il palo. La reazione del Laguna è tutta in un tiro da lontano di Valentini che al 14' prova a sorprendere Noè facendogli solo sporcare la divisa. L'Union Pro continua a spingere e passa al 17' grazie a un prezioso assist di Basso che trova il perfetto inserimento in area di Baratella, bravo a calciare con freddezza superando Gatto. Grande gioia per il nostro centrocampista che realizza la sua prima rete in campionato nel giorno del rientro in campo dallo stiramento rimediato il mese scorso. Da questo momento la partita si mette in discesa per i nostri ragazzi che giocano senza più l'ossessione del gol seminando il panico nella metacampo veneziana. Al 22' Luise si fa notare per un delizioso gioco di piedi che Basso prova a sfruttare accentrandosi e provando la conclusione che però viene ribattuta dalla difesa. Al 28' il neoentrato Fuxa si fa subito vedere, procurandosi un corner grazie a un diagonale potente su suggerimento di Lorenzatti. Ma è l'altro veneziano, il nostro Lele Comin, a chiudere i conti al 31' sfruttando un ingenuità di Valentini, che incespica, dando via al contropiede che il nostro attaccante trasforma in gol sfruttando tutta la sua velocità prima di esplodere il diagonale che si infila imparabilmente alla destra di Gatto. Due minuti dopo l'Union Pro perde Cagnato (sperando non sia nulla di grave) procuratosi una storta dopo un duro intervento di Zennaro non sanzionato dall'arbitro. Con le ultime energie rimaste i nostri avversari cercano almeno il gol della bandiera ma prima Bonotto al 34' e poi Noè al 36' ricordano ai presenti il perchè l'Union Pro abbia la difesa meno battuta del girone. La nostra squadra chiude in attacco e si rende ancora pericolosa con Comin al 37' che riceve palla da Bonotto, dribbla il difensore ma conclude alto. Neppure Basso al 41' riesce a impensierire Gatto nonostante la bella palla servitagli da Fiacchi. Ma Simone si riscatta prontamente al 43' superando in velocità il difensore che stava per arrivare sul pallone e servendo a Comin un assist al bacio che Lele sfrutta a dovere superando il portiere in uscita e insaccando indisturbato. A fine partita Feltrin si rallegra per la reazione della squadra dopo il primo tempo, senza dimenticare il riferimento alla precedente prestazione: “questa partita doveva verificare se la squadra si era “ammalata” dopo la lunga serie di vittorie oppure se la partita di Codognè fosse stato solo un episodio dovuto principalmente allo stress dei ragazzi per il lungo inseguimento in classifica e credo si tratti del secondo caso. Negli spogliatoi ho predicato calma ai miei giocatori visto che per noi questa era una partita da vincere e nella ripresa siamo cresciuti molto a livello fisico con i ragazzi che hanno dimostrato nuovamente di voler arrivar in alto”. Quando gli chiediamo se l'Union Pro è troppo "Comin-dipendente" in zona gol l'allenatore ci risponde così: “Se Lele segna è soprattutto merito di una squadra a vocazione offensiva che gli sta regalando molte opportunità ma conoscendo le sue doti vi dico che Comin ha ancora margini di miglioramento, specialmente se saprà privilegiare le giocate semplici e manterrà il suo raggio di azione solo nelle immediate vicinanze dell'area di rigore”.   

5 commenti:

  1. la vetta si avvicina ... alè up

    RispondiElimina
  2. CHE PARTITA RAGAZZI!
    COMPLIMENTI ALLA SQUADRA DI FELTRIN!
    CRISTIANO

    RispondiElimina
  3. GRANDE PARTITA!!!

    unico neo della gara: Feltrin poteva risparmiare la pessima figuraccia inflitta a Manzan. li ho contati, 8 secondi è durata la sua partita...

    mi chiedo, serviva??

    Comunque bravi ragazzi, continuate cosi!!!!

    Matteo G.

    RispondiElimina
  4. Gentile Matteo, anche a noi dalla tribuna è sembrato assurdo fare entrare Andrea per non toccare neppure la palla ma il motivo è da attribuire, come confermato dallo stesso Feltrin, a un malinteso tra il nostro mister e l'arbitro, se i due si fossero intesi ad Andrea minimo 5 minuti sarebbero stati sicuramente concessi, invece il direttore di gara ha ritardato la sua entrata in campo e ha fischiato la fine dell'incontro senza neppure un secondo di recupero.

    Andrea

    RispondiElimina
  5. Continuare con sacrificio e dedizione ! Grande gruppo, adesso bisogna tenerlo compatto.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.