21 marzo 2013

PRECISAZIONI IN RIFERIMENTO ALLA LETTERA APPARSA SUL SITO DELLA POLISPORTIVA MOGLIANO


In seguito alla pubblicazione di tale documento sul sito della Polisportiva Mogliano (clicca per visualizzare), il Direttore Alessandro Lunian, chiamato in causa direttamente con la Società, desidera fare alcune precisazioni circa le affermazioni di Romeo Girardi. 

E’ a conoscenza di tutti la natura prettamente economica dei problemi sorti tra Pro Mogliano Calcio e Polisportiva Mogliano ma è necessario confutare la tesi di quest’ultima. Siamo una società sportiva, la nostra prima preoccupazione è rappresentata dal garantire a tutti i ragazzi la possibilità di praticare sport e questo impegno corrisponde ad esborsi economici importanti che comprendono anche e ovviamente il pagamento delle strutture. Da quando la Polisportiva ha presentato il bando (unica Società) sono stati imposti aumenti del 150% della tariffazione, aumenti che per noi non è stato possibile sostenere e che si scontrano con le finalità di qualsiasi realtà sociale e sportiva. Sarebbe gradito concordare la possibilità di chiarire pubblicamente il problema, tramite dibattito aperto al pubblico, al fine di smontare mezze verità sapientemente seminate a mezzo stampa. In questo senso attendiamo l’occasione. 
Sarebbe stato opportuno favorire il dialogo e la collaborazione con l’obiettivo di migliorare la posizione di ciascuna parte in causa ma il risultato continua ad essere la classica “guerra tra poveri”. Ultimo episodio in ordine cronologico riguarda i presunti lavori “abusivi” allo Stadio. L’interpellanza del Prof. Fenso ha chiesto lumi al Comune come Mogliano Democratica (nulla di personale a suo dire, senza considerare la sua vicinanza alla Polisportiva). I fatti, inutilmente riportati alla Prof.ssa Fazzello, spiegano la natura del nostro mancato ritiro della concessione di tali strutture: avevamo fatto tutte le carte necessarie per mettere a norma l’opera, e il ritiro prevedeva una tassa comunale di 20.000 €. Abbiamo ritenuto ancora una volta ingiusto questo pagamento, sia perché i costi dell’opera sono stati sostenuti dal Presidente, sia per le finalità sociali dell’opera ossia il buon funzionamento delle attività sportive. Inoltre l’interpretazione della legge, purtroppo data adesso che sono scaduti i termini, ci esenta dal pagare tale cifra. 

Ci permettiamo inoltre di rispondere alle note apparse sul sito della Polisportiva: 

1) Si cita lo Stadio Comunale ma quanto è stato scritto riguarda i campi ex Ca’ Marchesi come precisato dal Signor Girardi. In riferimento a questo si ricorda al Sig. Girardi che le strutture sono in gestione all’Union Pro e se vogliamo guardare ai sofismi l’assunzione di responsabilità sulla sicurezza generale dovrebbe riguardare casomai tutte e due le società. Precisiamo per i meno informati che i nostri ragazzi lavorano in totale sicurezza, nostra più importante preoccupazione. 

2) Nella spiegazione data circa la venuta dei vigili (indirizzati dal Sindaco per verificare la chiusura degli spogliatoi ai quali era stata cambiata la serratura delle porte) non si è detto il vero poiché sono stati accompagnati dallo stesso Signor Girardi a visitare prima il Bar e poi gli spogliatoi con molti testimoni al seguito. Sia chiaro che gli eventi non si sono verificati per caso. 

3) In riferimento alla frase che parla delle “frequenti” ispezioni dei vigili precisiamo che la segnalazione della roulotte è stata fatta la stessa sera dell’ispezione degli spogliatoi e del Bar. Abbiamo fatto notare ai vigili, testimoni quindi della vicenda, la “sgradevole incoerenza” del Signor Girardi che dopo aver usufruito dei servigi dell’inserviente, nella pulizia delle palestre fino a tarda notte, ha deciso deliberatamente di far presente ai vigili della “situazione”, di fatto strumentalizzando la persona. 

4) La Polisportiva Mogliano minaccia vie giudiziarie e certamente questo non ci spaventa, anzi. I fatti vedono la persona moldava con passaporto di cittadino Romeno e quindi comunitario a cui si fa riferimento come un inserviente che andava a prestare servizio (circa un anno) per la Polisportiva nella pulizia delle palestre.

5) Siamo contenti che ci sia un clima di collaborazione con il Comune, peccato che in due anni non si è concluso ancora nulla. 

Alessandro Lunian