15 aprile 2013

LE PAGELLE DEL PRES : VILLORBA 1 - FC UNION PRO 2

Dopo il match clou casalingo pareggiato con il Noale domenica scorsa, ora i ragazzi sanno che bisogna cercare di fare tre punti ogni partita e sperare in un passo falso dei nostri avversari diretti, tra l' altro reduci dal trionfo in finale di Coppa Veneto dopo aver ribaltato nel finale il risultato con l' ArzignanoChiampo pur in 10 contro 11. Ma sappiamo che nessuno cederà un punto in questo finale, per cui oggi quello che conta è vincere, gettando il cuore oltre l' ostacolo. Affrontiamo un Villorba in salute, reduce da tre vittorie consecutive, che in questo campionato ha dato filo da torcere a tutte le migliori. Lo facciamo privi di Capitan Stradiotto, in recupero dall' infortunio, e di Franceschinis, squalificato. Oggi la fascia di capitano va per la prima volta  a Lorenzatti, nessuno la meritava quanto lui per il grande campionato che sta facendo, e la difesa si schiera con Noè tra i pali, terzini Ziliotto a destra e Leo Cagnato a sinistra, centrali Franchetto e Bonotto, mentre in mezzo al campo davanti al Peluca agiscono Luise e Fiacchi, con Fuxa dall' inizio a fare il trequartista dietro alla coppia di bomber Comin - Basso. La giornata è calda, dopo tanta pioggia,  e soffia un vento abbastanza forte a nostro favore nel primo tempo. Subito ci accorgiamo che il campo, che sembra dalla tribuna in buone condizioni e verde d' erba appena spuntata, in realtà nasconde mille insidie ed il pallone è davvero di difficile controllo e salta come una pallina magica tra i piedi dei giocatori. I nostri cercano di fare gioca e costruire, come è nella filosofia di gioco di Mister Feltrin, mentre il Villorba si difende con ordine e prova a ripartire con il veloce Pizzolato sulla destra che mostra di avere buoni numeri ed una notevole velocità. Partiamo abbastanza bene , anche se i ritmi sono più ridotti rispetto al solito, vuoi per la temperatura che per la difficoltà a far correre la palla con regolarità. Si è pertanto costretti spesso al lancio lungo dalle retrovie a saltare il centrocampo, nella speranza di un guizzo vincente di Lele Comin, caparbio  e voglioso di rifarsi della partita sottotono di domenica scorsa o di Simone Basso, che sembra in palla e tocca bene diversi palloni. Ma più di qualche ragazzo oggi sembra non al massimo della condizione psicofisica ed arriviamo spesso in ritardo o non capiamo velocemente la giocata del compagno, così diverse buone intenzioni vengono vanificate sul nascere. Il fatto che il gioco non ci esca come vogliamo ci fa perdere fatalmente di motivazione e concentrazione e, con il passare dei minuti, cominciamo a rischiare dietro. Sono così dei padroni di casa le migliori occasioni, prima con una botta su punizione che passa sopra la barriera e sta per finire nell' angolo alto ma con il nostro portierone che per fortuna è lì , piazzato benissimo e la respinge, riprendendo poi anche la successiva conclusione, poi con lo sgusciante  Pizzolato che  brucia sulla scatto in profondità la nostra difesa e finisce a terra sull' uscita , in leggero ritardo a dir la verità, del nostro Enrico . Ma l' arbitro fischia la simulazione ( forse si, o forse no... ) della punta gialloblù e lo ammonisce. Poi è ancora Enrico a superarsi sul tiro insidioso dell' attaccante del Villorba. Mentre il tempo sta per scadere un tiro-cross di Gian Fuxa spizzato alto dalla difesa avversaria scende a campanile in mezzo all' area, dove piomba rapace Lele Comin ad anticipare tutti ed a toccare di giustezza di esterno destro al volo nell' angolo ed a battere l' estremo avversario. Goool e si fa quasi subito al riposo, con il Noale che pareggia 0-0 con il Portomansuè e  nella consapevolezza che la fortuna avuta nel finale, con un primo tempo obiettivamente giocato male,  ce la dovremo guadagnare nella ripresa e che occorrerà cambiare marcia se non vorremo soffrire. Si riprende ma i nostri ragazzi commettono subito una grave ingenuità e, sulla ripartenza avversaria, si fanno trovare malposizionati dietro. Così Pizzolato va via sulla destra a Leo e la mette rasoterra al centro appena dentro l'area, con i due centrali troppo alti e con Noè che accenna all' uscita ma che non ci può arrivare, mentre dalla sinistra taglia bene al centro Gava che sfugge alla marcatura di Zilio e la mette dentro con un tocco di piatto all' angolo. Uno ad uno e tutto da rifare... I nostri però adesso capiscono che non possono perdere questa occasione e ci danno dentro con maggiore cattiveria agonistica, mentre gli avversari sembrano accontentarsi del pari e cedono quasi completamente il pallino del gioco nelle nostre mani, spezzettando il gioco e perdendo tempo in tutti i modo possibili. Prima una azione sulla verticale Basso-Comin viene conclusa centrale dal nostro bomber, poi su bel cross dalla desta di Zilio ci prova in tuffo di testa Gian con la palla che va alta. Dopo un' altra ripartenza avversaria con Gava che conclude male, entra Andrea Manzan al posto di Fiacchi, per dare maggior peso all' attacco,  e con il suo ingresso teniamo impegnata la difesa avversaria sui palloni alti, mentre Lele e Simone gli gerano pericolosamente intorno alla ricerca del varco giusto. Con questo 4-3-3 molto offensivo cominciano a fioccare le occasioni per noi, con la più clamorosa che capita sui piedi del Mansa che fa da terminale ad una splendida trama centrale tutta di prima che lo mette libero all' interno dell' area, ma il piatto finisce clamorosamente fuori. Entra anche Baratella al posto di Fuxa ed Alvise entra subito bene in partita muovendosi con profitto nel centrodestra. Zilio mette diversi buoni cross dalla destra in mezzo ma, malgrado le torri,  non ci riesce l' inzuccata vincente. Poi ci proviamo su diverse punizioni laterali ma neanche così sfondiamo, anhce se Ale Franchetto ci va vicino. Un paio di spinte in area non vengono giudicate fallose dall' arbitro nel convulso finale. Il Mister tenta la carta della disperazione ed avanza anche Franchetto nei quattro minuti di recupero decisi dall' arbitro. Buttiamo palla avanti e tentiamo il tutto per tutto e la caparbietà viene premiata all' ultimissimo respiro, quando alcuni tifosi già se ne stavano andando. E' proprio Ale Franchetto che, emulo del fratello centravanti,  arriva prima su una palla lunga spizzata da un compagno, entra in area palla al piede ma viene spinto da dietro, finisce a terra e l' arbitro ci concede la massima punizione ( obiettivamente in pochi l' avrebbero fischiata anche se la spinta mi è parsa abbastanza netta ) . Lele Comin si impossessa della palla e batte forte di destro regalandoci la vittoria. L' arbitro fischia immediatamente la fine tra le proteste dei tifosi avversari e la grande gioia per questa ormai insperata vittoria viene smorzata dalla notizia che arriva da Noale dove i nostri avversari nel finale si aggiudicano la partita 2-1 ed ottengono i tre punti che li tengono davanti. Ma noi siamo in ballo e balleremo sino alla fine. Il calendario è difficile e non ci favorisce ma il calcio ci ha insegnato che tutto è possibile fino all' ultimo secondo, per cui le tenteremo tutte per provare a fare quel salto di categoria che il Mister ed  ragazzi stanno dimostrando, con un girone di ritorno eccezionale, di meritare. Dovremo però lavorare ancora meglio  in settimana per migliorare il nostro gioco perchè il finale di stagione sarà lungo e ci sarà bisogno di tutti al massimo della condizione.

Eccovi ora le pagelle dei ragazzi :

NOE' : se il primo tempo si chiude con il nostro vantaggio gran parte del merito va ad Enrico, che si  disimpegna alla grande su almeno due insidiose conclusioni in porta e sventa alla grande. Gli va bene sul contatto in uscita su Pizzolato dove sembrava in leggero ritardo. Sul  gol la difesa si fa trovare scoperta ( e forse andava richiamata a maggiore attenzione ) ma poi il secondo tempo è meno impegnativo per lui del primo. Positivo il fatto che sia costantemente presente, anche con la voce, nel gioco. Calma e sicurezza, di lui ci si può fidare !
ZILIOTTO : il nostro Zilio ha ancora qualche amnesia in fase difensiva ( e Gava gli va via un paio di volte e ci punisce in una ) ma è in progresso in fase di possesso, dove spinge ripetutamente, specie nella ripresa, a cercare il cross . Sue sono diverse pennellate dalla fascia che meriterebbero maggior fortuna. Nel complesso ne esce una una gara volitiva, ma con qualche imprecisione e sbavatura da correggere nelle prossime. Giocatore ritrovato comunque.
CAGNATO : il bravo Leo si adatta al ruolo di terzino sinistro ( il solo ruolo nella nostra squadra dove è difficile trovare dei sostituti naturali al France ) e limita la spinta e raramente passa la metà campo. Anche perchè sa che deve limitare il più in forma degli attaccanti avversari, il veloce Pizzolato. Che a dir la verità lo fa ammattire in diverse circostanze. Nel finale spinge anche lui alla ricerca del gol della vittoria. Ragazzo intelligente, che sa sempre gestirsi in partita per il bene della squadra ed ha sempre la parola giusta . Ed è per questo che i compagni stravedono per lui.
 LORENZATTI : il nostro Federico anche oggi cerca di prendere le redini della squadra, ma obiettivamente anche per uno con la sua tecnica è difficile giocare su un campo del genere dove si perde sempre la frazione di secondo di troppo per controllare il pallone ed il gioco ne esce rallentato e sbiadito.  Sbaglia anche alcuni tocchi, non è cosa da lui... Ma dal punto di vista mentale e della voglia in campo è sempre in prima linea e non molla un centimetro a nessuno. Non gli riescono cose memorabili, ma è sempre un punto di riferimento fondamentale.  Esempio.
BONOTTO : Bonny parte deciso ma rischia qualcosa di troppo in fase difensiva e l' arbitro lo ammonisce dopo una ventina di minuti per un fallo dal limite sul giocatore lanciato in porta che magari un altro arbitro avrebbe potuto sanzionare con più severità ( anche se io propendo per l' espulsione solo se il fallo è da ultimo uomo con una chiara occasione da gol, cosa che in questo caso non c' era ). Poi alterna buone cose con altri svarioni e malposizionamenti che ci costano cari come in occasione del pareggio. Nel complesso ne esce una gara con luci ed ombre. Rivedibile.
FRANCHETTO : il suo merito maggiore è che ci crede sempre e nel finale ci toglie le castagne dal fuoco andandosi a prendere un rigore che ci dà la vittoria. Bene comunque anche in fase difensiva, dove svetta di testa sui tanti lanci lunghi degli avversari. Solo qualche incertezza ( anche lui sul gol avversario non mi sembrava ben posizionato ) ma nel complesso si conferma uno dei cardini di questa squadra. Potrebbe anche fare qualche gol di testa in più, ma sarà per la prossima. Fondamentale !
FUXA : parte obiettivamente maluccio e fatica a farsi vedere ed a superare l' avversario. Poi a poco a poco cresce e propizia anhche il gol con un suo tiro-cross. Ma la sua fase migliore è il secondo tempo , prima della sostituzione con il Bara. Qui si inserisce bene  e sfiora anche il gol in girata di testa (!) . Forse aveva un pò di ruggine nelle gambe, ma mi sembra che il rodaggio sia finito e sia pronto per fare un finale di stagione all' altezza delle sue qualità. Avanti !
BARATELLA : Alvise sta bene e quando entra, lo fa subito con voglia di mettersi in mostra ma anche con lucidità. Serve diversi bei palloni a Zilio che va al cross sul fondo e scambia bene con  gli attaccanti. Corre leggero e pensa con velocità. Positivo !
LUISE : Ale sa forse di non essere in un momento della stagione dove è brillante e si mette giustamente al servizio della squadra. Comunque fa girare bene la palla, con i limiti del fondo di gioco, ma gli manca in questo momento la lucidità per la giocata geniale o l' inserimento a sorpresa a cui ci aveva abituato. Ma è un ragazzo umile e di carattere e si sta riprendendo e prestissimo, magari già da domenica prossima lo rivedremo sui suoi livelli. Forza Ale !
BASSO : Simone sta bene e quando va via in progressione è veramente difficile da fermare. Ma non sempre riesce ad entrare nel vivo  del gioco. Ma quando lo fa, fa vedere di essere fondamentale per questa squadra. Suoi alcuni begli assist per Lele prima ed il Mansa poi, che avrebbero meritato miglior fortuna. Conclude poco a rete oggi, ma c' è comunque sempre ed è innescato e pronto ad esplodere. Tosto !
COMIN : Lele è ragazzo di carattere e lui era il primo a non essere soddisfatto della sua partita con il Noale. Si vedeva lontano un chilometro che oggi voleva riscattarsi. E lo fa alla grande, da bomber, con un gol di rapina allo  scadere del primo tempo e con il rigore all' ultimo secondo battuto con freddezza. In mezzo anche molte altre cose positive. Men of the match !
FIACCHI : gioca da finto interno di centrocampo, ma in realtà si butta spesso sulla destra dove sembra poter aver ragione con la sua velocità degli avversari. In effetti sembra sempre sul punto di colpire, ma le intenzioni spesso rimangono solo abbozzate e non si concretizzano, anche per via di molti tocchi fuori misura. Paga i pochi minuti fin qui avuti. Ma fa vedere che le qualità ci sono. Cede il posto all' amico Mansa dopo un' ora. Daje Pietro !
MANZAN : avesse fatto gol oggi  dopo la splendida azione appena entrato in campo, staremmo tutti qui a dire che abbiamo ritrovato il nostro bomber finalmente decisivo. Invece tiene su  la palla e si butta bene anche in area, ma la palla non gli va dentro. Questione di convinzione. Deve crederci e provarci  perchè può essere lui il nostro uomo decisivo in questo finale di stagione, dove tutto è ancora da scrivere. Un gol adesso può valere una stagione. Forza Andrea !



0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.