3 novembre 2013

LE PAGELLE DEL PRES: CALVI NOALE 1 - FC UNION PRO 2


FC UNION PRO: 9
Partita che per me e per tutti i tifosi dell' Union Pro rimarrà memorabile questa vissuta oggi al Comunale di Via dei Tigli a Noale, strapieno in ogni ordine di posti, segno di quanto sia vissuta e sentita dai tifosi  la sana rivalità sportiva fra queste due società, matricole in Eccellenza che dallo scorso anno si ritrovano fianco a fianco, sempre appaiate in testa ai rispettivi campionati. Due società in cui si cerca di fare, riuscendoci, un buon calcio, fra le mille difficoltà di questi tempi. Non nascondo che per noi vincere oggi qui a Noale ha un sapore speciale, specie per come si era messa la partita e memori dell' ingiusta sconfitta patita lo scorso anno per alcune sciagurate decisioni arbitrali (sconfitta che però ci aveva dato la rabbia giusta per risalire la classifica fino alla meritata vittoria nel campionato di Promozione con il sorpasso alla penultima giornata). Oggi sembrava che la direzione di gara dell' arbitro, palesemente inadatto ad arbitrare una sfida del genere (ma se c' era da chiamare un arbitro da fuori, per una partita di cartello come questa, perché almeno non spendere i soldi per far arrivare un arbitro capace, senza contare che poi ne abbiamo di bravi anche nella nostra regione...) ricalcasse in peggio quella dello scorso anno. Anche gli sportivi tifosi di Noale incontrati in tribuna hanno prima  riconosciuto l' inesistenza del calcio di rigore fischiato ai nostri difensori, lesti a entrare in tuffo su un cross radente, in netto e pulito anticipo (con l' arbitro posizionato dietro a tutti i giocatori in area dal lato opposto a quello dell' intervento, chiaramente nascosto da una moltitudine di uomini),  che ha consentito al Noale di pareggiare lo splendido gol di Lele Comin, e poi, ancora peggio, l' espulsione di Jean Ella per un intervento del tutto normale a centrocampo, al massimo da punire con una punizione contro ( molti hanno pensato che il povero Gianni si sia lasciato sfuggire un' offesa all' arbitro, ma non sanno che il ragazzo non parla mai, nemmeno con i compagni, figurarsi con gli arbitri!). Senza contare le tantissime ammonizioni con i cartellini gialli sbandierati ad ogni intervento, sia nei nostri confronti, che ai giocatori di Mister Susic  (al massimo un arbitro capace ne avrebbe dispensati due o tre e non dieci, tanto più che fra i giocatori in campo c' è stato molto rispetto, anche perché molti  si conoscono bene e si stimano a vicenda).  Lo confesso, io, come molti tifosi, eravamo sfiduciati ed a un certo punto avrei voluto tornarmene a casa piuttosto che seguire una partita falsata in questo modo (addirittura Maurizio Michielan mi ha confessato di aver avuto la tentazione di ritirare la squadra!). Ma nessuno aveva fatto i conti con il carattere e la forza di volontà di questo fantastico gruppo, che qualcuno si era permesso di criticare dopo la sconfitta, immeritata sul piano del gioco, ma lecita nel resto, patita domenica scorsa in casa con il Quinto. Dieci leoni pronti ad azzannare qualsiasi pallone capitasse loro vicino, i ragazzi di Checco Feltrin hanno dato prova di uno spirito di sacrificio superiore ed hanno coperto alla grande il campo anche in dieci con un 4-3-2 propositivo in cui le punte sono stati i primi difensori. Non abbiamo mai smesso di giocare palla a terra e di riproporre l' azione,  senza buttare via la palla, arrivando quasi sempre per primi sul pallone. Il gol di un Franceschinis in formato Superman, arrivato ad inizio ripresa su calcio di punizione pennellato sul secondo palo ad un grande portiere come Fortin, ci ha messo le ali ai piedi e raramente i nostri avversari sono riusciti ad arrivare al tiro, e mai su azione pulita, ma solo su rimpalli fortuiti. Il tabellino parla a nostro favore, come occasioni da gol e come possesso palla, ma i numeri non spiegheranno mai come questi ragazzi abbiano saputo superare con il lavoro e l' impegno i propri limiti e le avversità e quanto questo gruppo, che tutti abbiamo contribuito a far crescere, sia forte e unito.
Assieme a Maurizio ed ai nostri dirigenti ed allenatori, tutti insieme, non ci resta che dire: Grazie Ragazzi, avanti così, siamo orgogliosi di voi!

NOE' : un pò di timore su qualche cross, sia basso radente che alto in mezzo agli avversari, con Enrico che però non si fa sorprendere e reagisce con orgoglio alla prestazione negativa di domenica scorsa. Non è ancora ai suoi massimi livelli, dovrà continuare a lavorare su alcuni dettagli importanti, ma intanto dà tranquillità alla retroguardia, inedita per la squalifica di Franchetto. Non arriva di poco a prendere anche il rigore di Viola. Di piede è meglio di Fortin... Carattere da vendere il bocia... SPAVALDO !

TESO: parte con il cinque ma si posiziona basso a destra, lasciando a Bonny il centro. Alessio, al suo debutto, paga nei minuti iniziali l' emozione o la scarsa attitudine alla gara. Poi piano piano cresce di spessore, comincia a spingere, diventa intraprendente e sbaglia sempre meno. Belle anche alcune sue chiusure nella ripresa, dove per forza di cose limita le sgroppate in avanti. Attento su Viola che staziona dalle sue parti ma anche su chiunque capiti a tiro. Un giocatore recuperato, un altro ragazzo su cui fare affidamento per Mister Feltrin. Finalmente sorridente a fine partita, era ora... SORPRESA!

FRANCESCHINIS : sono in imbarazzo a giudicare la prova del France oggi. Se fossi in lui mi porterei a casa il filmato della partita e lo custodirei come un tesoro. Avete mai visto un esterno sinistro giocare una parta del genere?  Non sbaglia nulla, recupera palloni su palloni e non ne perde nemmeno uno in tutta la gara, spesso uscendo vincente tra nugoli di avversari. Memorabili le sue sgroppate in avanti prendendo in controtempo gli avversari. Di qualità i suoi appoggi,  fantastico l' assist per il primo gol di Comin e, per non farsi mancare proprio nulla, meravigliosa punizione a giro che va a morire nell' incrocio più lontano a scavalcare Fortin (che non è piccolo) . Per distacco oggi Man of the Match. Per chi lo conosce e sa l' umiltà e l' altruismo di questo ragazzo, che non smette mai di migliorarsi e lottare per la squadra, tutto meritato. MOSTRUOSO!

NIERO: recuperato in extremis da un problema muscolare dopo che in settimana si era curato ed allenato solo Venerdì, Daniel si limita oggi al suo importante compito in mezzo al campo. Conferma di essere prezioso per quest' Union Pro. Oggi non poteva fare di più, ma tiene botta in mezzo con la sua intelligenza fino alla fine. Dalle sue parti conquista diversi palloni, ne perde pochissimi e comunque dà qualità e tempi al gioco dei nostri. Ci prova anche avanti con il suo pezzo forte, il colpo di testa, ma non è fortunato. Benissimo così Daniel... FOSFORO!

BONOTTO : riproposto in mezzo, anche lui, come Alessio, all' inizio parte un pò titubante. Poi Bonny si scrolla di dosso le incertezze e sale di tono. Ci arriva sempre, sia su Guerra che su Viola o Ballarin, è sempre ben piazzato e la sua concentrazione è al massimo e si vedono i risultati. Oggi di là non si passa. Dà qualità con il suo destro alle nostre azioni  ìn ripartenza, pescando bene i compagni tra le linee. Una grande prova. LEONE!

STRADIOTTO: finalmente il Capitano risponde presente ad una gara contro il Noale. Lo scorso anno aveva saltato tutte e tre le gare e la sua assenza si era sentita. Oggi c'è ed  è dappertutto, non sbaglia una palla, diventando un incubo per gli avversari. Si permette anche di ripartire in contropiede, non molla un centimetro dietro ed è un muro su cui vanno a sbattere tutti gli avversari che capitano di là. Che giocatore, tanto umile quanto forte. THE WALL!

BARATELLA: schierato un pò a sorpresa da Checco Feltrin nel ruolo di trequartista, Alvise fa una gara di grande spessore, sacrificandosi al recupero in mezzo ma anche mettendo a frutto dei compagni la sua capacità tecnica. E' dappertutto, dietro, davanti ed in mezzo. Poi si sfianca ma non molla fino al cambio. Recuperato alla causa, finalmente una gara alla sua altezza... BRAVO!

FUXA: Gian nella mezzora finale diventa determinante. Fa valere la sua freschezza a tutto campo, si piazza sul centro-destra e fa da argine a chiunque capiti a tiro. Poi duetta bene con i compagni in molte occasioni e contribuisce a far rifiatare i nostri. Ho già detto di come Gian quest'anno sia il giocatore giovane che più si sta migliorando. Sveglio e capace. ARGENTO VIVO!

LUISE: partita di grandissimo livello di Ale. Certo anche lui qualche volta può sbagliare e dobbiamo pure concederglielo ad un ragazzo di 18 anni. Ma che corsa e che qualità di giocatore che abbiamo con noi! Stravince il duello in mezzo con Giubilato e fa impressione come fino al  92' sia in partita e pronto a scattare. Recupera palloni e li gioca sempre bene. Carattere e presenza. VINCENTE!

NOBILE: ho detto in qualche altra occasione di come Andrea sia il nostro Rooney. Oltre a far gol, lo trovi pronto a scattare in ogni angolo del campo, a mettere palloni su palloni in mezzo saltando il suo marcatore, a lottare su ogni pallone come fosse l' ultimo della sua vita. Memorabile un suo inseguimento difensivo di 60 metri,  a mille all' ora nel finale per fermare l' avanzata avversaria, fra il tripudio dei nostri tifosi. Non lo conosceva nessuno come un giocatore così completo, è sinceramente stata una sorpresa anche per me, ma ora che è qui, se manterrà questa umiltà e motivazione, può diventare una bandiera di questa squadra. Il beniamino dei tifosi lo è già. IMPRENDIBILE!

COMIN : vedetevi quello che avevo scritto la settimana scorsa. Lo deve aver letto anche il nostro Lele, perchè oggi torna ad essere Bomber letale. Splendido il suo gol su tiro a giro che ci porta meritatamente in vantaggio. Finalmente altruista, a modo suo duetta con i compagni ed apre spesso il gioco. Ma quanta qualità nelle sue giocate, si fa sempre trovare in mezzo alle linee ed i suoi stop a seguire sono una prelibatezza da intenditori. Il vino buono sta nella botte piccola, si diceva una volta. Esce stremato nel finale...STANDING OVATION!

BASSO: entra nel finale e dà il proprio contributo anche oggi. Ha voglia di contribuire al nostro successo e fa un paio di giocate fondamentali,  smarcando i compagni o sè stesso con colpi da categoria superiore. Tiene palla, sta bene, cerca di ritagliarsi il proprio spazio con caparbietà. Ma è grazie a ragazzi come lui che, nonostante siano poco impiegati ora (ma verrà anche il suo momento), sono i primi a sostenere i compagni, con il sorriso, se poi  un gruppo è vincente. ESEMPIO!

ELLA: oggi Gianni era partito davvero bene e stava disputando una prova di spessore, e si stava facendo onore in mezzo al campo. Tutto bene, ma non aveva fatto i conti con l' ineffabile direttore di gara che gli sbandiera sotto il naso un rosso a scoppio ritardato per un intervento normale. Non possiamo rimproverargli nulla. I compagni giocano anche per lui ed alla fine lo fanno felice. A PRESTO!


P. S : abbiamo deciso, assieme con Maurizio e la società tutta, di eliminare la possibilità dei commenti agli articoli sulla prima squadra in quanto il sito ufficiale non diventi strumento di destabilizzazione per i nostri giocatori i quali hanno comunque ampiamente dimostrato di badare poco alle parole e più ai fatti. Questo non significa che rifiutiamo il dialogo, per i commenti restano aperti i social network. Un pò ci dispiace, ma abbiamo deciso di mantenere l'ambiente tranquillo. Continuate a seguirci!
Marco Gaiba