30 marzo 2014

PORTOMANSUE' - FC UNION PRO 1-0


PORTOMANSUE' - FC UNION PRO 1-0
marcatore: Conte al 27'st. 

PORTOMANSUE': 1 Peccolo, 2 Tonton (15 Serafin dal 43'st), 3 Rosolen, 4 De Nardi, 5 Talazzo, 6 Benedetto, 7 Cester, 8 Dei Negri, 9 Bozzon (18 Rizzioli dal 19'st), 10 Conte (17 Di Trocchio dal 40'st), 11 Zucchiatti.
A disposizione: 12 Posocco, 13 Borgolotto, 14 Balduit, 15 Serafin, 16 Bega, 17 Di Trocchio, 18 Rizzioli.
All. Sig. Mauro Conte

FC UNION PRO: 1 Noè, 2 Galardi, 3 Franceschinis, 4 Orlandi (18 Basso dal 23'st), 5 Franchetto, 6 Bonotto, 7 Carniato (16 Fuxa dal 10'st), 8 Pastrello, 9 Andrea Nobile, 10 Comin, 11 Ella.
A disposizione: 12 Camata, 13 Teso, 14 Alvise Nobile, 15 Steffani, 16 Fuxa, 17 Baratella, 18 Basso.
All. Sig. Francesco Feltrin.

ARBITRO: Sig. Fumagalli di Cremona.

NOTE: Ammoniti Rosolen e Talazzo (P). Angoli 5-3.

Se ci fosse la possibilità di giocare al totocalcio scommettendo sui risultati di Eccellenza Veneta, oggi sarebbe stata durissima per chiunque azzeccare il "13". Oltre alla banda di Francesco Feltrin, sconfitta di misura quest'oggi, non vincono neppure Nervesa, Liventina e Noale, ovvero le prime quattro in classifica del girone B. Era da mettere in preventivo che una giornata storta potesse capitare e fortunatamente non ha fatto praticamente danni visto che, a quattro giornate dal termine, l'Union Pro mantiene sei lunghezze di vantaggio sul Nervesa, la più immediata inseguitrice, che mercoledì tornerà a Ponzano per recuperare la gara sospesa una settimana fa a causa del maltempo. Onore invece ai nostri avversari odierni che non hanno rubato nulla e sono riusciti a conquistare tre punti importanti nella lotta per non retrocedere. Si conferma così un campo ostico il comunale di Portobuffolè, dove l'Union Pro aveva ceduto con lo stesso parziale nel novembre del 2012, anche se poi ricordiamo tutti come andò a finire quel campionato...
La gara odierna si è disputata in una bella giornata primaverile che ha attratto più di un centinaio di persone nel piccolo stadio del Portomansuè. Feltrin deve rinunciare al centrocampista Luise a causa di un impegno scolastico e lo sostituisce con Carniato, rispolverato due mesi dopo la sua ultima apparizione contro la Feltrese. In difesa invece viene data piena fiducia alla ormai collaudata coppia formata da Franchetto e Bonotto. Ma la vera sorpresa viene dallo schieramento dei nostri avversari con Conte che decide di piazzare il veloce centrocampista Dei Negri in marcatura fissa su Comin, limitandone il rendimento soprattutto nel primo tempo. Porta proprio la firma del centrocampista del Portomansuè la prima azione pericolosa di giornata con il suo inserimento, sugli sviluppi di un corner al 12', che gli permette di anticipare la nostra difesa ma non di deviare nello specchio della nostra porta. Sono i padroni di casa a rendersi più pericolosi nella prima frazione di gioco e al 17' Cester si invola sulla fascia destra scodellando un cross insidioso che viene allontanato di testa da Franchetto. Sul proseguimento dell'azione la palla arriva ancora a Cester, lasciato colpevolmente libero, il quale ha tempo di prendere la mira e di calciare il pallone che colpisce la parte bassa della traversa prima di rimbalzare in area dove nessun compagno riesce fortunatamente ad intervenire. La manovra dell'Union Pro non è fluida come in altre occasioni e abbiamo la netta sensazione che la larghezza ridotta del terreno di gioco renda difficile ai nostri giocatori il compito di prendere le misure e trovare gli spazi. Non è un caso quindi che la prima azione offensiva dei nostri nasca da un'iniziativa personale che vede protagonista il difensore Bonotto, il quale cerca un varco per entrare in area di rigore ma viene fermato in maniera dubbia dalla difesa avversaria, senza che l'arbitro fermi il gioco. Al 34' tocca a Noè, inoperoso fino a quel momento, uscire rapidamente dalla propria porta per anticipare in uscita bassa lo spauracchio Bozzon, giustiziere dei nostri nella partita dello scorso anno. Al 37' Franceschinis ha a disposizione un calcio di punizione da posizione interessante ma taglia troppo la battuta e la palla finisce tra le braccia di Peccolo. Sull'azione seguente Comin riesce finalmente a liberarsi in velocità dall'ombra di Dei Negri, entra in area e serve un pallone in mezzo per Nobile che però viene anticipato in tuffo ancora dal portiere del Portomansuè. La ripresa vede subito un cambio di ritmo da parte della nostra squadra che si dimostra più pimpante, specialmente a centrocampo anche se le occasioni da gol latitano. Bisogna aspettare il 20' per registrare un' azione degna di nota, propiziata ancora da Comin, bravo a sgusciare sulla destra e a trovare la collaborazione di Nobile, il quale, tra la linea di fondo e il difensore avversario, riesce comunque a concludere in direzione della porta dove Peccolo fa scudo con il corpo. Feltrin decide di rischiare qualcosa per provare a vincere la partita e inserisce Basso al posto di Orlandi, passando al 4-3-3. Proprio Simone si procura la palla gol più limpida della nostra partita al 25', controllando il suggerimento da sinistra di Comin e provando la conclusione ravvicinata che impegna Peccolo in una difficile parata a terra. Proprio nel nostro momento migliore il Portomansuè trova il gol partita al 27' grazie a una veloce ripartenza dalla difesa che intercetta un pallone giocato da Comin e mette in movimento sulla sinistra il neoentrato Rizzioli. Nonostante i suoi 41 anni, l'attaccante percorre in velocità tutta la fascia sinistra prima di trovare il diagonale che Noè riesce solo a deviare senza poter far nulla sul successivo tap-in di Conte che mette in rete da due passi. La reazione dell'Union Pro è rabbiosa e da vita ad un finale di partita emozionante: il primo a cercare il pareggio, al 30', è Nobile ma il suo tiro da destra non riesce a mettere in difficoltà Peccolo. Dall'altra parte risponde Benedetto con una bella iniziativa personale al 31' ma il suo tiro dalla trequarti sorvola soltanto la traversa. Passano pochi attimi e il pallone torna nell'area del Portomansuè, dove Nobile viene murato dal difensore su una conclusione a botta sicura. I rimbalzi anomali del terreno di gioco per poco non costano caro a Noè che al 35' si fa sfuggire un tiro non irresistibile di Conte ma si riscatta subito dopo su Rizzioli, chiudendogli lo specchio e deviando la sua conclusione in corner. Gli ultimi dieci minuti sono un assedio al fortino del Portomansuè con l'avversario incapace di uscire dalla propria metacampo. Al 38' un diagonale teso di Galardi attraversa tutta l'area senza che nessun compagno riesca però ad intervenire. Al 40' occasione per Nobile, bravissimo ad allungarsi in acrobazia per deviare una punizione da sinistra di Franceschinis col pallone che finisce sull'esterno della rete. Il nostro capitano può beneficiare dell'ennesima punizione al 47' ma il suo tiro a giro sfiora soltanto la traversa e così sfuma anche l'ultima occasione per raddrizzare la gara. Non facciamo drammi però e pensiamo subito all'occasione per il pronto riscatto che arriverà domenica prossima, quando a Mogliano si presenterà la Liventina, terza forza del campionato. Ne vedremo delle belle!