10 aprile 2014

EDO MESTRE - FC UNION PRO 0-2


EDO MESTRE - FC UNION PRO 0-2
marcatori: Baratella al 17' e Fuxa al 23'st.

EDO MESTRE: 1 Mazzaro, 2 Bovo, 3 Lazzarini (14 Montanari dal 34'pt), 4 Minio, 5 Zugno, 6 Toso, 7 Busatto (16 Sammarone dal 25'st), 8 Pauk, 9 Vianello, 10 Bagnara (15 Memmo dal 25'st), 11 Zanon.
A disposizione: 12 Magon, 13 Barbiero, 14 Montanari, 15 Memmo, 16 Sammarone, 17 Borsato, 18 Rossi.
All. Sig. Bruno Pistolato

FC UNION PRO: 1 Noè, 2 Bonotto, 3 Teso, 4 Orlandi, 5 Franchetto, 6 Ella, 7 Pastrello, 8 Luise, 9 Andrea Nobile (18 Basso dal 42'st), 10 Comin (17 Lorenzatti dal 40'st), 11 Baratella (15 Fuxa dal 22'st).
A disposizione: 12 Camata, 13 Galardi, 14 Stradiotto, 15 Fuxa, 16 Carniato, 17 Lorenzatti, 18 Basso.
All. Sig. Francesco Feltrin.

ARBITRO: Sig. Tedesco di Pisa.

NOTE: Ammoniti Bovo (E), Orlandi, Vianello (E) e Baratella. Espulso Bovo al 36'pt per somma di ammonizioni. Angoli 5-6.

Giornata da ricordare per l'Union Pro che festeggia a Mestre la sua seconda promozione consecutiva, guadagnandosi la serie D grazie alle reti di due ragazzi non ancora ventenni: Alvise Baratella e Gianluca Fuxa. Da Nervesa infatti arrivano buone notizie per il popolo di Mogliano Veneto e Preganziol che realizza un sogno neppure pronunciabile a inizio stagione e lo fa addirittura con due giornate d'anticipo. Nei prossimi giorni parleremo ampiamente di questo traguardo con i suoi protagonisti ma ora concentriamoci esclusivamente sulla partita che ha regalato questa gioia straordinaria a tutti noi. Come ci aspettavamo alla viglia, espugnare il "Baracca" non è stato affatto facile e ci è voluta una grande prestazione di squadra, specialmente nel secondo tempo, per superare la retroguardia molto fisica dei padroni di casa. Costretto a rinunciare al diffidato Franceschinis e con Stradiotto non ancora al 100%, Feltrin assegna la fascia di capitano per la prima volta ad Ale Luise e rilancia Baratella dall'inizio alle spalle di Comin e Nobile. "Quando mi hanno consegnato la fascetta sono rimasto sorpreso, è davvero una bella soddisfazione aver fatto da capitano, anche solo per una partita, ad una squadra così forte e unita come la nostra" ha detto Luise. L'Union Pro parte bene e al 7' si rende pericolosa grazie ad un tiro a giro di Comin che da sinistra si accentra e impegna Mazzaro per la prima volta. Passano due minuti e Nobile si esibisce in un'azione personale che lo porta a entrare in area di rigore, dove però si intestardisce troppo con il dribbling, senza riuscire a concludere verso la rete. In questa fase di gioco i padroni di casa cominciano a prendere le misure ai nostri ragazzi, i quali cercano di farsi largo sfruttando le fasce ma senza portare grossi pericoli alla retroguardia mestrina. Al 27' una punizione tagliata di Minio viene deviata pericolosamente da Vianello, la cui posizione spalle alle porta non gli consente però di spizzare il pallone dove vorrebbe. Sull'azione seguente Bagnara prova a dare la scossa ai suoi con un missile dal limite dell' area che viene bloccato con sicurezza da Noè. L'Union Pro prova a scuotersi al 30' grazie ad un calcio di punizione procurato da Orlandi in zona di attacco. La battuta di Comin è insidiosa ma, nella mischia in mezzo all'area, l'arbitro vede un fallo di sfondamento di Pastrello e ferma il gioco. Al 36' micidiale contropiede in velocità sull'asse Nobile-Comin, con quest'ultimo che si avvia verso l'area di rigore venendo fermato irregolarmente da Bovo. Per il difensore gialloblu, già ammonito in precedenza per una strattonata a Nobile, scatta il secondo cartellino che lo manda anzitempo sotto la doccia. Anche se la punizione calciata da Comin non inquadra la porta, da questo momento in poi, la squadra di Feltrin cercherà la via del gol con maggior convinzione, provando a sfruttare la superiorità numerica. Ecco che al 41' una carambola innesca Nobile che si dirige in velocità verso la porta, seguito da Comin e Baratella. Il nostro centravanti decide di servire il più vicino dei due ma Lele non riesce a farsi largo tra la difesa avversaria, brava a recuperare la posizione e a neutralizzare l'occasione pericolosa. Al 46', sempre sugli sviluppi di una ripartenza, l'Union Pro ha una grande opportunità per passare in vantaggio: sullo splendido suggerimento di Comin, Nobile supera in velocità Montanari, entra in area ma quando ormai sembra fatta si fa ipnotizzare il tiro dall'uscita di Mazzaro che gli chiude lo specchio della porta. Nella ripresa, dopo un tentativo da fuori di un Orlandi molto propositivo, l'Union Pro si rende nuovamente pericolosissima al 15' grazie ad una sgroppata coast to coast di Teso. Il nostro terzino, prima di entrare in area, serve Nobile libero sulla sua destra e sullo slancio si ritrova proprio sulla traiettoria della sua conclusione, deviandola sul palo. La palla rimane li e Baratella prova a ribadire in rete da pochi passi ma Mazzaro si supera nuovamente riuscendo a deviare in corner. Il nostro giocatore si riscatta però immediatamente, incaricandosi di battere una punizione dai venti metri leggermente decentrata sulla sinistra, guadagnata da una proiezione offensiva di Ella al 17'. La sua traiettoria disegna un arco perfetto che scavalca la barriera e si va ad insaccare imparabilmente all'incrocio dei pali. Non appena vista la palla in rete Alvise si toglie la maglietta e corre verso la panchina ad abbracciare mister Feltrin e i compagni che presto lo sommergono: "Dedico questa rete a tutti quelli che hanno sempre creduto in me, nonostante quest'anno non abbia trovato molto spazio" ha detto Baratella a fine gara, quando ancora non conosceva il risultato di Nervesa. Proprio l'autore del gol lascia spazio al 22' al coetaneo Fuxa che nel giro di pochi secondi sigla la rete del raddoppio mettendo "in ghiaccio" il risultato. Come era accaduto nel primo tempo è ancora una gran giocata di Comin a pescare Nobile sul filo del fuorigioco. Il nostro attaccante si invola indisturbato sulla fascia destra, alza la testa e serve il liberissimo Fuxa al centro dell'area, il quale incrocia il tiro ingannando Mazzaro che riesce solo a sfiorare. A questo punto per l'Union Pro diventa tutto facile, le giocate diventano più fluide e col possesso palla a noi favorevole i minuti scorrono rapidi verso il novantesimo. Prima del fischio finale c'è ancora tempo però per godersi due occasioni per parte: la prima capita sui piedi di Nobile, che meriterebbe sicuramente il gol per l'impegno profuso quest'oggi ma non riesce a superare Mazzaro nemmeno con un diagonale ravvicinato da sinistra, in seguito a un lancio in profondità di Orlandi al 31'. L'Edo Mestre, ormai alle corde, cerca almeno di siglare il gol della bandiera ma al 38', il neoentrato Sammarone scivola davanti a Noè rendendo vano il perfetto suggerimento di Minio, certamente tra i migliori dei suoi. Al 43' Teo Vianello incorna da centro area sugli sviluppi di un corner ma Noè salva tutto con un riflesso prodigioso. L'ultima occasione del match capita al 47' sui piedi di Basso che sfrutta un lancio dalle retrovie di Teso per scattare in velocità e presentarsi solo davanti a Mazzaro ma il portiere dell'Edo conferma il suo sangue freddo e riesce a deviare sul palo il tiro di Simone rendendo il passivo meno pesante. Nel finale c'è gloria anche per Lorenzatti, a cui Feltrin concede 5' di gioco al posto di Comin. Splendida l'immagine di Federico che si abbraccia prima con il vice allenatore Campagnola e poi con Lele, prima di tornare a calcare i campi di gioco a oltre 6 mesi di distanza dall'ultima apparizione. Ma non ci sarà bisogno della classe del "Peluca" per portare a casa questo campionato d'Eccellenza. Sono infatti passate da poco le 20:15 quando, al locale "Bocca di Bacco" di Mogliano Veneto, i nostri giocatori esplodono in un urlo liberatorio: il Nervesa non ha ottenuto la vittoria che le serviva per tenere vive le speranze e si arrende alla forza dei nostri ragazzi che, a distanza di neppure un anno, sono diventati nuovamente CAMPIONI! Che la festa abbia inizio.....