7 settembre 2014

BIANCOSCUDATI PADOVA - FC UNION PRO 3-0

BIANCOSCUDATI PADOVA - FC UNION PRO 3-0
marcatori: Ferretti al 3'pt e al 25'st, Aperi al 49'st.

BIANCOSCUDATI: 1 Petkovic, 2 Bragagnolo, 3 Degrassi, 4 Mazzocco, 5 Niccolini, 6 Dionisi, 7 Ilari (18 Bedin dal 26'st), 8 Segato, 9 Ferretti (20 Pittarello dal 43'st), 10 Cunico, 11 Bruzzi (19 Aperi dal 14'st). A disposizione: 12 Vanzato, 13 Busetto F., 14 Russo, 15 Formigoni, 16 Faggin, 17 Montinaro, 18 Bedin, 19 Aperi, 20 Pittarello. All. Sig. Carmine Parlato

FC UNION PRO: 1 Noè, 2 Saitta, 3 Furlan, 4 Lorenzatti, 5 Niero, 6 Trevisiol, 7 Serena (18 Casarotto dal 30'st), 8 Rossi, 9 Nobile Andrea, 10 Basso (15 Busetto E. dal 13'st), 11 Luise (12 Baldan dal 7'st). A disposizione: 12 Baldan, 13 Checchin, 14 Nobile Alvise, 15 Busetto E., 16 Palmieri, 17 Fuxa, 18 Casarotto, 19 Visinoni, 20 Comin. All. Sig. Francesco Feltrin

ARBITRO: Sig. Cataldo di Bergamo.

NOTE: Ammoniti Degrassi, Trevisiol, Nobile Andrea, Dionisi, Bedin, Bragagnolo. Espulso Noè al 6'st. Angoli: 8-3

In serie D non si scherza e ce ne siamo resi conto oggi al nostro battesimo contro i Biancoscudati, squadra che punta a vincere il campionato e che ci ha inferto la nostra prima sconfitta stagionale.
Il 3-0 finale è un risultato pesante che non rende giustizia all'impegno dei nostri ragazzi ma sarà certamente utile per farci capire da subito che questa categoria richiederà grande sacrificio da parte di tutti. Sin dal nostro ingresso allo stadio Euganeo avvertiamo subito un'atmosfera da brividi con oltre tremila persone presenti per dimostrare l'affetto verso i colori biancorossi e i propri nuovi beniamini.
Dal primo minuto l'Union Pro si schiera con Basso unica punta, preferito a Comin per la sua maggior fisicità, centrocampo folto e difesa a quattro con Trevisiol al centro al posto dello squalificato Zanette.
Alla prima azione il Padova passa e lo fa sugli sviluppi di un corner battuto da Segato con la palla posizionata fuori dalla lunetta. L'arbitro però non se ne avvede e sulla battuta la nostra retroguardia esita quel tanto che basta per consentire a due uomini di esperienza come Niccolini e Ferretti di scambiarsi il pallone di testa e depositarlo in fondo al sacco. Nonostante lo svantaggio i nostri ragazzi hanno il merito di non disunirsi e provano subito a farsi vedere dalle parti di Petkovic con una serpentina di Basso che al 7' riesce a entrare in area di rigore ma non a superare la difesa ospite che allontana. Padova pericoloso al 9' ancora su calcio d'angolo di Segato che pesca Cunico in mezzo all'area: la semirovesciata del capitano avversario finisce di poco a lato. Al 15' è la volta di Ilari che si avvicina pericolosamente alla nostra porta ma Furlan salva tutto con un grande intervento in scivolata. Lo stesso terzino si incarica di battere una punizione che ci conquistiamo dai 35 metri al 26': la traiettoria è insidiosa ma Petkovic in uscita alta riesce ad evitare che Rossi possa incornare verso la porta padovana. Al 31' l'ex primavera del Parma Mazzocco esplode improvvisamente il tiro da trenta metri: Noè vola sulla traiettoria ma è la traversa a negare la gioia del gol al centrocampista avversario. L'Union Pro non rischierà più di tanto nel resto del primo tempo concedendo solo un contropiede a Ilari al 42' che però conclude male da buona posizione. I nostri ragazzi tengono bene il campo ma faticano a pungere la davanti e non è un caso se la prima conclusione nello specchio padovano arriva al 36' e direttamente dai piedi di un centrocampista come Riccardo Serena, il cui tiro viene bloccato senza patemi da Petkovic. Un episodio sfavorevole si verifica invece al 41' quando, sugli sviluppi di un'azione insistita, Nobile si fionda su una palla vagante e conclude a rete superando il portiere ma l'arbitro aveva appena fermato il gioco per un presunto tocco di mano ad opera del nostro attaccante. La ripresa comincia nel segno del portiere Noè che al 4' ipnotizza per ben due volte consecutive Ferretti, pescato bene da un cross da sinistra di Bruzzi. Due minuti dopo il duello si rinnova ma stavolta è Enrico ad avere la peggio, rimediando un rigore contro e l'espulsione diretta dopo aver tentato di fermare in uscita lo scatenato argentino. Decisione questa che ci pare eccessivamente severa, senza contare che Ferretti era scattato in netto fuorigioco. A questo punto Feltrin decide di rinunciare a Luise mentre il giovane portiere Baldan si avvicina alla propria porta con tranquillità, incurante dei fischi del pubblico. Con grande reattività riesce a parare il tiro di Cunico e la successiva ribattuta tenendo a galla la nostra squadra. In dieci uomini però l'Union Pro non riesce a sviluppare il proprio gioco e con il passare dei minuti lascia sempre più l'iniziativa nelle mani dell'avversario. L'unica azione pericolosa la creiamo al 12' grazie a una verticalizzazione di Rossi e per poco Serena non riesce ad approfittarne venendo anticipato solamente dall'uscita bassa di Petkovic. Al 25' il Padova chiude la contesa ancora con Ferretti e ancora con un colpo di testa, stavolta su preciso cross da sinistra di Degrassi. Nulla può Baldan che pure era riuscito a deviare leggermente la sfera. Nell'ultima mezzora entrano sia Busetto che Casarotto ma l'inerzia della partita non cambia. E il finale regala ancora gloria ai nostri avversari che sfruttano un disimpegno errato di Baldan per recuperare palla e trovare la rete del definitivo 3-0 grazie a una rasoiata angolata di Aperi. Nel dopo partita Feltrin ha cercato di analizzare con lucidità quello che si è visto in campo quest'oggi: "E' chiaro che le squadre in campo avranno obiettivi completamenti diversi in questa stagione ma la partita è stata segnata da due episodi. Sapevamo di dover temere le palle inattive e sul primo gol abbiamo sbagliato noi. Volevamo impostare il nostro gioco sul palleggio ma essere andati subito in svantaggio ci ha fatto saltare gli schemi. Poi nell'episodio del rigore credo siamo stati penalizzati eccessivamente e in inferiorità numerica non siamo più riusciti a mettere in difficoltà i nostri avversari senza approfittare del loro calo fisico nel finale".


0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.