22 novembre 2014

L'AVVERSARIO DI TURNO: UNIONE TRIESTINA

L'Unione Triestina, assieme ai Biancoscudati Padova, è indubbiamente la formazione più blasonata all'interno del nostro girone. Con ben 74 campionati professionistici alle spalle e una storia quasi centenaria, la società giuliana ha vissuto momenti di gloria, regalando al calcio italiano numerosi personaggi di spessore come il "paron" Nereo Rocco, a cui oggi è dedicato lo stadio cittadino.
Da qualche anno a questa parte però Trieste ha perduto, almeno in parte, questa sua grande tradizione calcistica che l'attuale dirigenza sta cercando faticosamente di recuperare. Dopo il fallimento del 2012 infatti la squadra è ripartita dall'Eccellenza, venendo ripescata in serie D per disputare lo scorso campionato, concluso al decimo posto. Quest'anno la partenza è stata da dimenticare e a farne le spese è stato mister Stefano Lotti, rimpiazzato il 27 ottobre scorso da Giuseppe Ferazzoli dopo aver conquistato appena 2 punti in 8 giornate. Il 48enne allenatore romano, ex primavera di Ascoli e Perugia, ha provato subito a dare una scossa all'ambiente, conquistando un pareggio insperato all'Euganeo al suo esordio in panchina. Dopo la battuta d'arresto interna contro il Montebelluna, l'ultima gara disputata si è conclusa con un altro pareggio in trasferta, ottenuto stavolta contro la Clodiense. Nonostante il penultimo posto in classifica, mister Feltrin si fida poco del nostro prossimo avversario: "la Triestina è una squadra ancora da decifrare, hanno acquistato nuovi giocatori che si devono ancora integrare perfettamente e dispongono di molti elementi provenienti dal centro-sud che conosciamo poco". Gli imprenditori romani Di Piero e Pontrelli, da pochi mesi a capo della società alabardata, hanno infatti pescato pescato molto dal loro bacino geografico di provenienza. Qualche settimana fa inoltre hanno rinforzato ulteriormente la rosa con un elemento importante proveniente dal campionato croato come l'attaccante Milicevic, che ha giocato pure in Europa League. " Domani ci aspettiamo una squadra vogliosa e agguerrita visto che per loro siamo un obiettivo importante e cercheranno di fare del loro meglio per non perdere ulteriori punti in classifica" avverte il nostro allenatore. La Triestina, che non ha ancora vinto in questo campionato, sotto la gestione Ferazzoli si sta disponendo con un 4-3-3 nel quale Milicevic, già a segno all'esordio, può ricoprire tutti e tre i ruoli nel reparto avanzato. "Mi hanno parlato bene di lui, dicendomi che è tecnicamente bravo e dotato di una buona progressione" spiega Feltrin, il quale ha messo in guardia la squadra anche da un giocatore esperto come Bez, che sa muoversi sul filo del fuorigioco e cercherà di approfittare della sua stazza fisica per farsi valere nella nostra area di rigore. A centrocampo i nostri avversari dovrebbero disporsi con Proia davanti alla difesa fiancheggiato dal grintoso Giorgino e dal giovane Gasparotto, in ballotaggio per una maglia di titolare con il rientrante Loporfido.
In difesa sulle fasce spazio ad altri due fuoriquota che dovrebbero essere Crosato e Celli mentre in mezzo al fianco del coriaceo Antonelli mancherà per squalifica capitan Piscopo che dovrebbe lasciar posto a uno tra Fiore e Arvia. Sul fronte Union Pro, l'ultima settimana è stata abbastanza tribolata per quanto riguarda gli allenamenti. Le fitte precipitazioni del lunedì infatti hanno costretto i ragazzi ad allenarsi l'indomani su un campo al limite della praticabilità, tant'è che per gli ultimi tre allenamenti si è optato anche per il sintetico. 
Per quanto riguarda la formazione titolare, dopo l'addio di capitan Lorenzatti e con Busetto ancora indisponibile (dovrebbe tornare ad allenarsi a pieno regime la settimana prossima), a centrocampo dovrebbe tornare Rossi in cabina di regia, supportato dalla corsa dei giovani Serena e Palmieri. In difesa invece rientrano dalla squalifica sia Zanette che Trevisiol mentre in attacco, per una volta, Feltrin avrà l'imbarazzo della scelta. "Abbiamo provato un paio di  nuove soluzioni in vista di questa sfida ma penso che non cambieremo molto, confermando i ragazzi che hanno fatto bene durante le ultime due partite casalinghe. Da parte nostra speriamo di muovere la classifica, entrando in campo consapevoli della nostra forza e cercando di fare una buona partita". Quando gli chiediamo se l'emozione di giocare in uno stadio importante come il Rocco possa essere uno stimolo positivo o una fonte di stress per i nostri ragazzi Feltrin ci risponde così: "Non dobbiamo andare in campo col timore dello stadio anche perchè, a differenza di quanto accaduto a Padova, non credo si sentirà moltissimo l'apporto del pubblico visto che ci sono pochi giocatori locali. Ogni partita ha una storia a sè e finora gli scontri diretti che abbiamo disputato si sono decisi soltanto per qualche episodio". Anche domani potrebbe quindi aspettarci una partita molto equilibrata ma visto che siamo decisamente in credito con la fortuna, ci auguriamo che possa essere una giornata positiva per i nostri colori! 

Ecco infine il probabile undici con il quale scenderà in campo l'Unione Triestina:
Di Piero, Crosato, Celli, Fiore, Antonelli, Proia, Gasparotto, Giorgino, Giordano, Bez, Milicevic. 



0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.