4 gennaio 2015

FC UNION PRO - ARZIGNANO CHIAMPO 2-3

FC UNION PRO - ARZIGNANO CHIAMPO 2-3
marcatori: Trinchieri (rig) al 26'pt, Draghetti al 39'pt, Busetto (rig) all'8'st, Trinchieri al 15'st, Busetto (rig) al 38'st. 

FC UNION PRO: 1 Noè, 2 Alvise Nobile, 3 Furlan, 4 Busetto, 5 Zanette, 6 Niero, 7 Casarotto (20 Visinoni dal 31'st), 8 Serena, 9 Cattelan, 10 Comin, 11 Appiah (19 Andrea Nobile dal 1'st). A disposizione: 12 Ziliotto, 13 Trevisiol, 14 Bello, 15 Saitta, 16 Palmieri, 17 Morina, 18 Fuxa, 19 Andrea Nobile, 20 Visinoni. All. Sig. Francesco Feltrin

ARZIGNANO CHIAMPO: 1 Dall'Amico, 2 Vignaga (15 Marchesini dal 29'st), 3 Vanzo, 4 Beccaro, 5 Pregnolato, 6 Bolcato, 7 Draghetti (14 Carlotto dal 13'st), 8 Urbani (13 Crestani dall'11'st), 9 Trinchieri, 10 Azzolini, 11 Fracaro. A disposizione: 12 Cristofoli, 13 Crestani, 14 Carlotto, 15 Marchesini, 16 Melison, 17 Tessari, 18 Albanello. All. Sig. Paolo Beggio

ARBITRO: Sig. Gusanno di Chivasso

NOTE: Ammoniti: Zanette, Azzolini, Bolcato, Crestani. Angoli: 4-2

Si ferma a sei risultati utili consecutivi la striscia positiva dell'Union Pro che oggi si è dovuta arrendere al cinismo dei vicentini dell'Arzignano Chiampo, abili a capitalizzare al meglio le azioni create nell'arco di una partita spettacolare e combattuta.
Una sconfitta che non fa male ma che ci lascia un po' l'amaro in bocca per come abbiamo interpretato la gara, specialmente nella ripresa quando si è praticamente giocato a una sola porta. Purtroppo, come ammesso dallo stesso allenatore Feltrin a fine gara, abbiamo pagato a caro prezzo gli errori commessi in fase difensiva, concedendo due gol facili e venendo penalizzati da un rigore generoso fischiato nel primo tempo. Per i cinquecento spettatori presenti in tribuna, tra cui spiccavano alcuni coloriti tifosi dell'Arzignano, questo match è valso certamente il prezzo del biglietto, viste le emozioni che si sono susseguite durante tutti i novanta minuti. La prima occasione capita sui piedi di Lele Comin che al 5' si libera di due avversari con una giocata delle sue, punta la porta ed esplode il tiro da fuori che termina di poco alto sopra la traversa. L'Arzignano risponde all'8' e per poco non approfitta di un nostro disimpegno errato a centrocampo che libera Trinchieri al limite dell'area. Il tiro potente colpisce in pieno il palo alla destra di Noè con la palla che finisce sui piedi di un altro attaccante vicentino, il neoacquisto Draghetti,  che ci grazia angolando troppo il diagonale. Passato il pericolo l'Union Pro si riaffaccia in avanti al 10' grazie a una punizione di Furlan ma sulla sponda in area di Zanette nessun compagno riesce a intervenire per concludere a rete. Non facciamo in tempo a trascrivere l'azione che gli ospiti ripartono in velocità ancora con Draghetti che vede e serve con un preciso traversone l'accorrente Trinchieri, il quale ribadisce in rete da pochi passi ma in leggera posizione di offside. Questi continui capovolgimenti di fronte caratterizzeranno tutto il primo tempo con l'Union Pro che va vicina al vantaggio al 18', quando una manovra offensiva impostata da Appiah si conclude con uno scambio in velocità al limite dell'area tra Cattelan e Comin, il quale tenta di sorprendere Dall'Amico con un rasoterra che il portiere respinge d'istinto chiudendo le gambe. Al 26' si verifica l'episodio che probabilmente decide la partita: Fracaro, una volta entrato in area, tenta di superare in velocità Zanette allargandosi verso sinistra costringendo il nostro difensore all'intervento in scivolata che colpisce nettamente il pallone. Il giocatore dell'Arzignano è però abile a cercare il contatto con il piede di Zanette e a lasciarsi cadere, ottenendo così il primo calcio di rigore di giornata. Dal dischetto Trinchieri spiazza Noè portando in vantaggio gli ospiti. La reazione dell'Union Pro è immediata e i nostri hanno qualcosa da dire all'arbitro quando un contrasto aereo tra Serena e Vanzo in area di rigore viene giudicato involontario con il nostro giocatore che rimane però a terra per quasi un minuto. A suonare la carica ci prova al 36' Lele Comin che si accentra dalla destra, resiste al ritorno degli avversari e costringe il portiere a rifugiarsi in corner con un diagonale calciato a fil di palo. Tre minuti dopo però l'Arzignano dimostra di essere letale nelle ripartenze e grazie a un rimpallo a centrocampo vinto dal 17enne Urbani, va in rete grazie a una prodezza di Draghetti. Il giocatore scuola Bologna controlla una palla sporca, aiutandosi con la mano secondo il nostro allenatore bene appostato, si incunea in area e dopo una serpentina ai nostri difensori supera Noè calciando sul palo più lontano. Si conclude così il primo tempo con l'Union Pro in doppio svantaggio. Nell'intervallo però Feltrin decide di dare una scossa al match, inserendo dal primo minuto Andrea Nobile con la squadra che si riversa da subito nella metacampo ospite. Al 3' Casarotto si fa vedere per la prima volta andando al tiro su suggerimento di Alvise Nobile ma la palla finisce tra le braccia del portiere. Il nostro giovane trequartista si inventa una giocata strepitosa all'8' quando taglia il campo con un lancio calibrato per Andrea Nobile che punta l'area in velocità. Accortosi dell'inserimento di Cattelan prova a servirlo per vie orizzontali e sul tiro immediato del nostro attaccante arriva il tocco di mano di Vanzo, il quale non viene inspiegabilmente ammonito nonostante la scorrettezza abbia provocato il calcio di rigore. Dal dischetto Busetto si conferma glaciale e spiazza Dall'Amico per il gol che dimezza lo svantaggio. La speranza dei nostri giocatori dura però solamente sette minuti, tanti trascorrono dal gol alla punizione che consente all'Arzignano di andare a rete per la terza volta. A batterla è il neoentrato Carlotto, recuperato in extremis da Beggio, che con un tiro a giro trae in inganno i nostri difensori che si dimenticano di Trinchieri in mezzo all'area. Ad arrivarci per primo è Noè che però è sfortunato in quanto fa carambolare il pallone proprio sulle gambe dell'attaccante vicentino nel tentativo di respingere il pallone. Nonostante il gol beffardo, che sarà l'unica conclusione nello specchio da parte dei giocatori dell'Arzignano nei secondi 45 minuti, l'Union Pro non si perde d'animo e con un gran cuore si getta nuovamente in avanti con Andrea Nobile che al 20' sfiora il palo più lontano dopo aver calciato in diagonale dal fronte sinistro d'attacco. Passano pochi secondi ed è lo stesso giocatore a procurarsi una punizione dal limite dell'area, facendo ammattire la retroguardia ospite. Alla battuta si presenta Serena la cui botta di prima intenzione non viene controllata da Dall'Amico finendo sui piedi di Cattelan, il quale segna ma in posizione di fuorigioco millimetrico. Al 26' ancora Nobile protagonista con un preciso lancio che pesca Busetto quasi a tu per tu col portiere ma il nostro centrocampista, anzichè tirare, preferisce l'appoggio indietro che però viene intercettato prontamente dalla retroguardia vicentina. E' un autentico monologo Union Pro con la nostra squadra che costruisce un'altra azione di pregevole fattura al 28': l'ennesima giocata di Casarotto mette in moto Comin che cerca un compagno libero al centro dell'area. Dopo un batti e ribatti la palla finisce sui piedi di Busetto che tenta di riscattarsi dall'occasione precedente andando al tiro ma senza inquadrare lo specchio della porta. Il forcing dei nostri giocatori porta al terzo calcio di rigore di giornata fischiato contro Carlotto, reo di aver agganciato in corsa il neoentrato Visinoni al 38'. Busetto non cambia l'angolo e spiazza Dall'Amico per il definitivo 2-3. Non bastano infatti i tre minuti di recupero e le quattro punte in campo ai nostri ragazzi per trovare il gol del meritato pareggio ma a loro va senz'altro un grande applauso per aver dato tutto e per aver offerto una prestazione positiva sotto il piano del gioco, specialmente nella ripresa. Ora con 22 punti in cascina e un +5 sulla zona playout siamo pronti per ospitare la capolista Padova e rituffarci con entusiasmo nel girone di ritorno di questo appassionante campionato!

ANDREA SECCO 

1 commenti:

  1. Tanta amarezza perchè potevamo davvero avere almeno un punto in più oggi. Ma dobbiamo solo recriminare sui nostri errori ed imparare da questi e non commetterne più a partire da domenica prossima. Sarà una grande sfida con i Biancoscudati Padova dove cercheremo di farci onore per dimostrare a tutti chi siamo e quanto valiamo. Siamo cresciuti rispetto all' andata e lo vogliamo dimostrare., Ai nostri tifosi dico che bisogna sostenere sempre e comunque la squadra e tutti i ragazzi che entrano in campo, anche se commettono errori. Per migliorare e per creare autostima tutti i ragazzi devono sentire la fiducia ed il sostegno del loro pubblico,senza mugugni ( come ne ho sentiti qualcuno domenica questa e quella precedente in casa contro qualche nostro giocatore da parte di un paio di tifosi, il che mi ha dato veramente fastidio perchè non è questo lo spirito sportivo che insegniamo ai nostri ragazzi ). Bravissimi invece i tifosi che hanno fatto sentire il loro sostegno con il coro UNION PRO ! Domenica con il Padova metteremo in vendita le sciarpe ufficiali dell'Union Pro e sarebbe bello intonare qualche altro coro agitandole tutti insieme ( anche perchè i tifosi del Padova saranno in tanti ed avranno molta voce ! ).. Vogliamo che domenica sia una festa dello sport e siamo pronti ad accogliere a Mogliano nel modo più rispettoso e civile i tifosi di una grande squadra come il Padova. Forza sempre Union Pro !

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.