18 gennaio 2015

GIORGIONE - FC UNION PRO 2-1

GIORGIONE - FC UNION PRO 2-1
marcatori: Vigo al 29'pt, Andrea Nobile al 32'pt, Gazzola al 32'st.

GIORGIONE: 1 Pazzaia, 2 Prosdocimi (17 Baggio dal 16'st), 3 Eberle (13 Dotti dal 40'st), 4 Maran, 5 Fontana, 6 Giacomazzi, 7 Episcopo, 8 Vigo (14 Zanin dal 29'st), 9 Gazzola, 10 Nenzi, 11 Podvorica. A disposizione: 12 Fuser, 13 Dotti, 14 Zanin, 15 Trevisan F., 16 Caratozzolo, 17 Baggio, 18 Patrizi, 19 Trevisan M., 20 Carraro. All. Sig. Antonio Paganin

FC UNION PRO: 1 Noè, 2 Saitta, 3 Appiah (17 Fuxa dal 35’st), 4 Busetto, 5 Zanette, 6 Niero, 7 Casarotto (18 Visinoni dal 35'st), 8 Serena, 9 Nobile Andrea, 10 Comin, 11 Cattelan. A disposizione: 12 Ziliotto, 13 Bello, 14 Palmieri, 15 Morina, 16 Chiaro, 17 Fuxa, 18 Visinoni. All. Sig. Francesco Feltrin

ARBITRO: Sig. Nehrir di Cagliari

NOTE: Ammoniti: Nenzi, Busetto, Cattelan, Casarotto, Eberle, Giacomazzi, Dotti. Angoli: 3-2

Dopo la vittoria contro i Biancoscudati, l'Union Pro si arrende ai rivali del Giorgione che la spuntano a un quarto d'ora dalla fine, dopo un match molto equilibrato. L'Union Pro è riuscita a esprimersi bene sotto il punto di vista del gioco ma deve recriminare per almeno due nitide occasioni fallite che potevano riscrivere la storia di questo derby. Nelle file del Giorgione il neoacquisto Vigo parte per la prima volta titolare mentre tra i pali Pazzaia sostituisce l'infortunato Bevilacqua. L'Union Pro deve invece ridisegnare la difesa con Niero scalato a sinistra al posto dell'infortunato Furlan mentre al centro viene arretrato Busetto vista la squalifica di Trevisiol e l'indisponibilità di Marco Rossi e Alvise Nobile. Sin dai primi minuti si gioca a ritmi molto elevati con le squadre che si affrontano a viso aperto, cercando di prendere il sopravvento una sull'altra.
Per la prima occasione da gol bisogna aspettare il 14', quando un rinvio corto di Noè mette in movimento sulla fascia destra Podvorica, il quale si avvede del'accorrente Episcopo e lo serve in area. Sembra fatta per il vantaggio del Giorgione ma il giocatore numero 7 mette fuori da pochi passi. La nostra squadra non si fa pregare e sul capovolgimento di fronte si rende a sua volta pericolosa con una giocata in profondità di Comin per Cattelan che potrebbe avanzare verso la porta ma sceglie di piazzarla dal limite sfiorando il palo alla destra di Pazzaia. Episcopo tenta di farsi perdonare dell'errore sottoporta al 16' facendo tutto da solo e riuscendo a entrare in area sul versante sinistro ma Noè è bravo a chiudergli lo specchio in uscita. L'Union Pro prova a costruire gioco e al 25' un azione in velocità avviata da Serena trova la collaborazione sulla trequarti di Casarotto che con un tocco smarcante libera in area Comin. Nel tentativo di concludere, il nostro attaccante si allarga leggermente sulla destra, calciando piuttosto debolmente verso le braccia di Pazzaia. Al 29' il Giorgione passa in vantaggio sugli sviluppi di un corner teso che viene prolungato da un nostro difensore proprio sulla testa di Vigo, per il quale è un gioco da ragazzi insaccare da pochi passi. Come spesso accaduto nelle partite precedenti, la nostra squadra reagisce bene allo svantaggio e ci mette solamente 3' a raddrizzare la partita:  un ispirato Comin, dal limite dell'area, serve in profondità Nobile con una giocata che taglia fuori due difensori del Giorgione e che Andrea finalizza con un preciso diagonale imparabile per Pazzaia. Si tratta della prima rete segnata da Nobile contro una sua ex squadra ed è per rispetto dei suoi vecchi tifosi che Andrea decide di non esultare. L'Union Pro potrebbe ribaltare il risultato al 44', quando una palla giocata sapientemente da Comin finisce sui piedi di Cattelan che viene a contatto con il portiere avversario nel tentativo di superarlo. L'arbitro però decide di ammonire per simulazione il nostro attaccante. La ripresa si apre subito con una grande opportunità per i nostri ragazzi che capita sui piedi di Lele Comin al 3'. Sembra di assistere all'azione del pareggio di domenica scorsa con un lancio dalle retrovie che sorprende la difesa e viene finalizzato dal nostro attaccante sul palo più lontano. Stavolta però, sul lancio di Nobile, Comin è in posizione troppo centrale per angolare il tiro e ne viene fuori una conclusione debole, prontamente deviata dall'attento Pazzaia. Il Giorgione prova a reagire ma agli uomini di Paganin difetta la precisione in fase conclusiva e così ne Nenzi (6') ne Gazzola (9') riescono a inquadrare la nostra porta dal limite dell'area. Al 16' Cattelan cerca l'incrocio con un tiro a giro dalla distanza che termina poco lontano dal montante con Pazzaia battuto. In questa fase di gioco l'Union Pro sembra essere in grado di trovare la rete del sorpasso e ci va vicinissima al 26' sugli sviluppi di un contropiede quando Comin si invola sulla destra, alza la testa e vede Nobile smarcato in area. Andrea riceve palla indisturbato ed ha pure il tempo di aggiustarsela per preparare il tiro ma colpisce malamente e l'azione sfuma. Il nostro attaccante prova a reagire al 31' quando viene chiamato in causa da un preciso assist di Serena ma il suo cross da sinistra è leggermente alto per Cattelan che non riesce a colpire la sfera. Proprio nel nostro momento migliore il Giorgione ci colpisce in contropiede segnando la rete che deciderà l'incontro. Episcopo è bravo a servire in profondità Gazzola che si avvia a grandi falcate verso la nostra porta seguito da Busetto. Il nostro giocatore con la punta del piede riesce ad arrivare sulla conclusione dell'attaccante ma è proprio questa deviazione a ingannare Noè che non riesce a fermare la sfera per la gioia del pubblico casalingo. La nostra squadra accusa il colpo e non riesce più a rendersi pericolosa nonostante gli ingressi di due giocatori offensivi come Fuxa e Visinoni. Nel dopo partita il presidente Marco Gaiba sottolinea i meriti della sua squadra che a suo dire ha fatto a lunghi tratti la partita, sprecando delle occasioni importanti per vincerla: "è stato un match giocato a ritmi alti con entrambe le squadre che si sono espresse bene. Non ho visto un passo indietro dal punto di vista del gioco rispetto a domenica scorsa, anzi penso che i ragazzi stiano attraversando un buon momento di forma e per questo mi auguro che non si abbattano più di tanto per questo risultato. Cercheremo di tornare alla vittoria già domenica prossima contro il Dro". Gli fa eco mister Feltrin per il quale è importante aver trovato continuità dal punto di vista del gioco: "Purtroppo in questa categoria quando sbagli vieni punito ma se recriminiamo per questo risultato significa che ci siamo espressi bene, specialmente nel secondo tempo. Oggi potevamo fare il salto di qualità ma evidentemente ci manca ancora qualcosa, ad esempio non siamo riusciti a ripartire come volevamo una volta recuperata palla" conclude il nostro allenatore.

ANDREA SECCO

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.