10 gennaio 2015

IL PRE-PARTITA CONTRO I BIANCOSCUDATI PADOVA


Dopo la prevedibile sconfitta all'esordio in campionato, l'Union Pro si appresta ad affrontare nuovamente i Biancoscudati Padova in una partita che ci auguriamo tutti possa essere molto diversa, e non solo per quanto riguarda il risultato finale, rispetto a quella dell'andata.
Come ricorda il nostro allenatore Francesco Feltrin, quella domenica estiva allo stadio Euganeo sembra già lontana per tanti aspetti: "Molta acqua è passata sotto i ponti, in quell'occasione c'era grande curiosità su di noi e in qualche modo giocare contro una squadra come il Padova costituiva di per sè un premio per molti dei miei giocatori. Ricordo che è stata una partita decisa dagli episodi, a partire da quel gol subito su calcio d'angolo alla loro prima occasione, con l'azione del rigore e dell'espulsione di Noè viziata da una fuorigioco netto e il loro terzo gol arrivato allo scadere su rinvio errato del nostro portiere. Potevamo sicuramente giocare di più e invece ci siamo preoccupati più a contenere, lasciandogli di fatto l'iniziativa. Non commetteremo più questo errore e stavolta mi auguro di rimanere a lungo in partita. Anche se non dovessimo farcela, cercheremo di metterli in difficoltà questo è certo". Già, ma come si ferma questo Padova che tra l'altro è già reduce dallo stop esterno contro i rivali dell'Altovicentino?  "Da parte nostra dobbiamo rimanere concentrati il più a lungo possibile e giocare di squadra, non lasciandoci condizionare dal pubblico (domani sono previsti oltre un migliaio di tifosi padovani ndr). Sappiamo di essere una squadra che lotta fino all'ultimo e anche se loro non hanno di certo punti deboli, proveremo ad approfittare delle poche occasioni che ci concederanno. Mi aspetto un Padova col dente avvelenato dopo l'ultima sconfitta e verranno qui a cercare il riscatto per fare bottino pieno, ma non dimentichiamo che entrambe le squadre stanno rispettando i rispettivi obiettivi quindi le motivazioni saranno praticamente le stesse" ci spiega Feltrin. Rispetto all'andata molti giocatori sono cambiati in entrambe le squadre con il Padova che dovrebbe schierare il neoacquisto Amirante in avanti in coppia con "El Rulo" Ferretti mentre a centrocampo dovrebbe trovare spazio un fuoriquota extra visto l'infortunio del portiere classe '95 Petkovic. Per quanto riguarda l'Union Pro Checco Feltrin dovrà varare la diciottesima formazione diversa in 18 partite vista l'assenza concomitante di Rossi e Alvise Nobile, reduce da un breve ricovero ospedaliero.
Quando gli chiediamo se qualche giocatore potrebbe sentire il peso di dover dimostrare tutte le sue doti per ben figurare contro un avversario così blasonato, Feltrin conclude l'intervista rispondendo così: "Non sono preoccupato perchè per un allenatore servono poche parole per caricare la squadra alla vigilia di incontri del genere. Per i giocatori è decisamente più difficile trovare stimoli quando affrontano le ultime della classe".

ANDREA SECCO

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.