8 febbraio 2015

CLODIENSE - FC UNION PRO 1-1

CLODIENSE - FC UNION PRO 1-1
marcatori: Andrea Nobile al 21'st, Mazzetto al 32'st.

CLODIENSE: 1 Tiozzo L., 2 Pitteri, 3 Tiozzo F., 4 Boscolo Berto, 5 Moretto, 6 Casagrande (20 Urtiaga dal 25'st), 7 Mazzetto, 8 Piaggio (18 Olivieri dal 44'st), 9 Siega, 10 Pellizzer (13 Boscolo Nata dal 29'st), 11 Mastroianni. A disposizione: 12 Okroglic, 13 Boscolo Nata, 14 Chiozzotto, 15 Boscolo Gnolo, 16 Isotti, 17 Cigna, 18 Olivieri, 19 Sigolo, 20 Urtiaga. All. Sig. Andrea Pagan

FC UNION PRO: 1 Noè, 2 Alvise Nobile, 3 Furlan, 4 Busetto, 5 Zanette, 6 Niero, 7 Casarotto (13 Saitta dal 40'st), 8 Serena, 9 Andrea Nobile, 10 Comin (19 Cattelan dal 35'st), 11 Appiah (18 Fuxa dal 44'st). A disposizione: 12 Ziliotto, 13 Saitta, 14 Maggio, 15 Morina, 16 Palmieri, 17 Chiaro, 18 Fuxa, 19 Cattelan. All. Sig. Francesco Feltrin

ARBITRO: Sig. Rasia di Bassano del Grappa

NOTE: Ammoniti: Casagrande, Niero, Siega, Moretto. Angoli: 1-8

Un pari che lascia un po' l'amaro in bocca quello ottenuto dai nostri ragazzi a Chioggia, dove abbiamo cullato il sogno di portare a casa un'altra vittoria che invece è sfumata proprio sull'unico tiro in porta dei padroni di casa nel corso della ripresa. Così, dopo sei vittorie e due sconfitte nelle ultime otto partite, l'Union Pro torna a dividere la posta in palio con l'avversario, salendo a quota 29 punti in classifica assieme a Montebelluna,Tamai e Union Ripa. Partita poco spettacolare quella andata in scena oggi allo stadio "Aldo e Dino Ballarin" di Chioggia, specialmente nel primo tempo con i due portieri praticamente inoperosi. Poco prima del calcio d'inizio l'Union Pro perde Visinoni a causa di un leggero malore, al suo posto gioca Casarotto dietro alle due punte Nobile e Comin. Proprio il bomber veneziano ha la prima opportunità della partita al 7', quando una maldestra svirgolata di Pitteri apre un varco tra le maglie della Clodiense. Lele tenta di approfittarne sfruttando la sua velocità ma proprio mentre cerca di concludere verso la porta arriva il provvidenziale recupero della retroguardia granata. I padroni di casa la mettono sul fisico con interventi spesso al limite della regolarità o addirittura fallosi come quello che all'11' subisce Andrea Nobile al limite dell'area guadagnando un calcio di punizione. Sulla battuta si presenta Furlan che proprio da quella posizione aveva messo a segno il gol decisivo all'andata ma stavolta la mira è leggermente imprecisa e la palla sorvola soltanto la traversa. Al 17' ancora una punizione calciata da Furlan per poco non si trasforma in un clamoroso autogol con Tiozzo che è costretto ad alzare la palla sopra la traversa con la mano di richiamo. La Clodiense soffre il pressing dei nostri giocatori e deve attendere addirittura il 21' per trovare il primo tiro verso la porta di Noè ma la conclusione di Casagrande termina abbondantemente alta. Al 31' Pitteri guadagna metri palla al piede e chiama in causa il neoacquisto Siega servendolo al limite dell'area ma il tiro dell'attaccante veneziano non impensierisce il nostro portiere. L'Union Pro gioca meglio ma fatica a rendersi pericolosa anche se al 41' Comin ha l'intuizione giusta servendo Nobile in profondità ma il pallone è leggermente troppo lungo per l'attaccante moglianese. La ripresa si apre subito nel segno dell'Union Pro che al 5' sfrutta uno spunto di Appiah per avviare il contropiede di Andrea Nobile. Nonostante la superiorità numerica il nostro giocatore non si avvede di Comin alla sua destra cercando di chiudere il triangolo con Appiah ma il difensore della Clodiense capisce tutto e anticipa il nostro giocatore. I padroni di casa faticano a trovare il varco per entrare nella nostra area e così ci provano dalla distanza come fa Mazzetto all'8' con un piattone che scavalca Noè ma si spegne sopra la traversa. Al 15' spunto di Casarotto che entra in area, si libera al tiro e ottiene un calcio d'angolo. A fine partita saranno ben otto i calci dalla bandierina a nostro favore ma la difesa dei padroni di casa riesce a cavarsela in ogni occasione. Ancora Pitteri prova a sorprendere la nostra squadra al 19' avanzando palla al piede e mettendo in movimento Piaggio che dal vertice sinistro della nostra area non riesce a inquadrare la porta. Al 21' Alvise Nobile è bravissimo a intercettare un passaggio molle di Casagrande a centrocampo e a lanciare in verticale il fratello Andrea che entra in area resistendo al ritorno del difensore avversario e con una scivolata riesce a indirizzare la palla sul palo più lontano dove Tiozzo non può arrivare. Il vantaggio dell'Union Pro dura però poco più di dieci minuti e al 32' ci pensa Mazzetto a ristabilire la parità intercettando la respinta della nostra difesa e bucando Noè con un missile imparabile che lascia tutti di stucco. I nostri ragazzi hanno la palla buona per tornare in vantaggio al 33' con Comin, bravo a intercettare un retropassaggio scellerato di Boscolo Nata e a presentarsi a tu per tu con Tiozzo che però riesce a respingergli di piede il diagonale salvando così il risultato. Nel finale di partita ci provano in rapida successione Mazzetto, Serena e il neoentrato Urtiaga ma nessuno dei tre riesce a inquadrare lo specchio. L'ultima occasione arriva al 46' con Andrea Nobile che si incunea in area da destra, riesce a tenere palla ma scivola giusto un istante prima del tiro vanificando così l'opportunità. Nel dopo partita il presidente Gaiba è apparso comunque soddisfatto della prestazione della squadra, lodandone lo spirito e l'atteggiamento dimostrato nel corso di tutti i novanta minuti: "credo che quella di oggi sia stata la nostra miglior partita del campionato a livello di intensità in quanto siamo stati molto aggressivi, impedendo loro di giocare grazie al nostro pressing molto alto. L'unico rimpianto è di aver mancato qualche occasione la davanti ma possiamo essere soddisfatti per aver rischiato poco contro una squadra sanguigna che quando attacca è in grado di far molto male". Anche mister Feltrin è soddisfatto dal punto di vista del gioco un po' meno da quello del risultato: "sicuramente sul piano del gioco e della determinazione c'è stato il salto di qualità che mi aspettavo dalla squadra. Siamo riusciti a metterli in difficoltà e abbiamo concesso pochissimo con una buona prestazione difensiva per questo sono un po' rammaricato del risultato finale".

ANDREA SECCO

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.