22 marzo 2015

UNION RIPA LA FENADORA - FC UNION PRO 2-2

UNION RIPA LA FENADORA - FC UNION PRO 2-2 
marcatori: Andrea Nobile al 19'pt, Gjoshi al 9' e Brotto al 15'st, Cattelan al 17'st.

UNION RIPA: 1 De Carli, 2 Gjoshi, 3 Malacarne, 4 De March, 5 De Checchi, 6 Venturin (14 De Min dal 1'st), 7 Brotto, 8 Tomasi, 9 Savi, 10 Mastellotto (20 Solagna dal 33'st), 11 Dassiè (18 Cibin dal 1'st). A disposizione: 12 Salsano, 13 Slongo, 14 De Min, 15 Tibolla, 16 Sommavilla, 17 Frangu, 18 Cibin, 19 Antoniol, 20 Solagna. All. Sig. Massimo Parteli 

FC UNION PRO: 1 Noè, 2 Niero, 3 Furlan, 4 Busetto, 5 Zanette, 6 Trevisiol, 7 Casarotto (19 Visinoni dal 27'st), 8 Serena (17 Palmieri dal 44'st), 9 Andrea Nobile, 10 Cattelan, 11 Saitta.
A disposizione: 12 Ziliotto, 13 Bortoluzzi, 14 Appiah, 15 Fuxa, 16 Morina, 17 Palmieri, 18 Chiaro, 19 Visinoni, 20 Comin. All. Sig. Francesco Feltrin 

ARBITRO: Sig. Miniutti di Maniago.

NOTE: Ammoniti: Serena, Saitta, De March, Niero, Andrea Nobile, Cibin. Espulso: Brotto al 42'st per gioco violento. Angoli: 3-4

E' stata una partita vibrante quella andata in scena quest'oggi al "Boscherai" di Pedavena tra la squadra di casa e l'Union Pro che si sono date battaglia fino all'ultimo, ottenendo un pareggio che rende merito ad entrambe: all'Union Ripa per aver ribaltato il risultato in soli cinque minuti, ai nostri ragazzi per aver avuto la forza mentale di non accusare il colpo, riacciuffando subito un risultato positivo che ci permette di raggiungere la famigerata quota 40 punti con ben sette turni d'anticipo.
Unica nota dolente l'infortunio occorso a Riccardo Serena, colpito alla schiena da un intervento duro, anche se involontario, da parte di Brotto che l'arbitro ha sanzionato con il rosso diretto. Al momento in cui scriviamo ci giungono fortunatamente notizie positive dall'ospedale di Feltre, dove Riccardo si è sottoposto a delle radiografie che hanno escluso fratture nella zona del costato. Al nostro giovane centrocampista vanno i migliori auguri di pronta guarigione da parte di tutta la società!
Sul campo sintetico di Pedavena sono gli uomini di Parteli a partire meglio, provando ad approfittare dell'inevitabile difficoltà iniziale che alcuni dei nostri ragazzi hanno incontrato su questo tipo di terreno. Al 2' il colpo di testa di Mastellotto non centra la porta da ottima posizione nonostante il preciso cross proveniente da destra. Al 4' ci prova De Carli direttamente su calcio di punizione dai venti metri ma il tiro termina di poco alto sopra la traversa. All'11' invece è Tomasi a fare la barba al palo con una botta da fuori sugli sviluppi di un corner. Il primo squillo dell'Union Pro arriva al 14' grazie ad un recupero sulla trequarti di Casarotto, il quale approfitta di una scivolata del difensore avversario per entrare in area e servire nel mezzo capitan Nobile che anticipa tutti con una deviazione sottomisura sfiorando il palo alla sinistra di De Carli. L'attaccante moglianese però si riscatta appena cinque minuti più tardi quando sorprende la retroguardia di casa con un inserimento perfetto sulla verticalizzazione di Serena e supera De Carli con un preciso rasoterra. L'Union Ripa sembra accusare lo svantaggio e di fatto riuscirà a rendersi pericolosa solo al 28', quando una punizione tagliata di Malacarne non trova la deviazione in area di nessun compagno. L'Union Pro invece va vicina al raddoppio al 42' quando Trevisiol, sugli sviluppi di un corner, mette in mezzo una palla invitante per Busetto, la cui girata ravvicinata mette a dura prova i riflessi del portiere bellunese. A inizio ripresa Parteli rivoluziona la squadra inserendo i giovani De Min e Cibin, 35 anni in due, e passando da un 4-3-1-2 a un 4-3-3. Il cambio da subito i suoi frutti e dopo soli 9' l'Union Ripa trova il gol del pareggio: sugli sviluppi di un corner dalla destra, Casarotto spizza il pallone teso con la punta del piede per evitare l'intervento di Mastellotto ma involontariamente serve un assist a Gjoshi che ribadisce in rete a pochi passi dalla porta. Sulle ali dell'entusiasmo i padroni di casa ribaltano clamorosamente il risultato al 15' quando Brotto, da posizione decentrata sulla sinistra, sfrutta l'assist di Tomasi e fulmina Noè sul palo più lontano con un diagonale imparabile. A questo punto molte squadre avrebbero subito il contraccolpo psicologico e invece l'Union Pro si rimette subito in carreggiata grazie a una prodezza di Cattelan, letale nel sfruttare una nostra rimessa laterale e a tirare fuori dal cilindro un pallonetto dal limite dell'area che si insacca all'incrocio dei pali tra l'incredulità della retroguardia avversaria. Continua così il "magic moment" per il nostro attaccante, giunto alla quarta marcatura nelle ultime cinque gare disputate. A questo punto la partita diventa apertissima con l'Union Ripa che cerca di sfruttare il fattore campo e i nostri ragazzi che provano la via delle ripartenze. Al 26' e al 29' dobbiamo ringraziare i nostri difensori che compiono due interventi decisivi: prima Niero nasconde la palla ad un attaccante avversario nella propria area conquistando un calcio di punizione e poi Trevisiol sventa un cross insidioso di Gjoshi evitando un intervento sottomisura dell'attaccante avversario. Nel proseguo dell'azione per poco Andrea Nobile non riesce ad approfittare di un uscita di De Carli ma sul suo tiro è decisiva la deviazione in corner del difensore avversario. Al 38' l'arbitro ammonisce il diffidato Niero per un fallo a nostro avviso molto dubbio, privandoci così del difensore nella prossima partita contro il Tamai. Fortunatamente, sul calcio da fermo successivo, Tomasi non inquadra la porta dal vertice sinistro della nostra area con Noè comunque vigile sulla traiettoria. Al 41' ancora Nobile sfrutta un cambio di gioco in orizzontale di Serena per mettere scompiglio nella difesa bellunese. Con un pregevole "sombrero" il nostro attaccante salta Gjoshi in velocità ma una volta entrato in area pecca un po' di egoismo provando la conclusione da posizione angolata anzichè cercare di servire i compagni in mezzo. Un minuto dopo l'intervento di Brotto e il conseguente urlo di dolore di Serena ammutoliscono i nostri tifosi ma come dicevamo all'inizio del nostro articolo il peggio sembra essere scongiurato. Dopo circa tre minuti di sospensione il nostro centrocampista è costretto a lasciare il campo in barella e la partita finisce praticamente qui con l'Union Ripa in dieci e Visinoni che sfiora l'incrocio dei pali con un tiro a giro su punizione.
Nel dopogara Francesco Feltrin, visibilmente preoccupato in attesa di ricevere notizie sulle condizioni del suo giocatore, ha voluto dire comunque la sua sulla partita odierna: "credo che il risultato sia stato equo per quanto si è visto in campo. Nel primo tempo forse potevamo raccogliere di più visto che abbiamo creato almeno tre nitide palle gol. A inizio ripresa sono riusciti a metterci in difficoltà fino a quando siamo passati al 4-2-3-1, un modulo che al momento ci sta dando ampie garanzie. Sono contento dell'immediata reazione al 2-1 e perchè siamo riusciti a creare numerose ripartenze pericolose, anche se in futuro dovremo avere meno frenesia nelle giocate e staremo attenti a far girare di più la palla". Per quanto riguarda le sue scelte iniziali, Feltrin precisa di aver voluto rischiare Trevisiol, nonostante non fosse al meglio, per garantire fisicità al centro della nostra difesa mentre si è detto soddisfatto dell'attuale condizione di Nobile e Cattelan senza dimenticare Lele Comin, che oggi non ha giocato ma rimane un'arma importante per dare una mano alla squadra in questo finale di stagione.

ANDREA SECCO

1 commenti:

  1. Un ' altra grande partita dei nostri ragazzi dove abbiamo dimostrato di essere cresciuti moltissimo da inizio anno, partita dopo partita, a livello di organizzazione di gioco e di intensità. Ora giochiamo con quella consapevolezza della nostra forza che avevamo fatto vedere negli anni passati in Promozione prima ed in Eccellenza poi. Bravi ragazzi e grande Mister Feltrin con Campagnola e Favero ! Avanti così fino alla fine !

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.