19 aprile 2015

FC UNION PRO - MORI SANTO STEFANO 2-1

FC UNION PRO - MORI SANTO STEFANO 2-1 
 marcatori: Tisi al 5'pt, Busetto (rig) al 4’st e Comin al 19’st. 

FC UNION PRO: 1 Ziliotto, 2 Niero, 3 Saitta, 4 Busetto, 5 Zanette, 6 Trevisiol, 7 Fuxa (20 Comin dal 12'st), 8 Serena, 9 Visinoni (19 Casarotto dal 27'st), 10 Cattelan,11 Rossi. A disposizione: 12 Noè, 13 Alvise Nobile, 14 Bortoluzzi, 15 Morina, 16 Palmieri, 17 Chiaro, 18 Appiah, 19 Casarotto, 20 Comin. All. Sig. Francesco Feltrin

MORI SANTO STEFANO: 1 Rossatti, 2 Pozza, 3 Pruenster, 4 Concli, 5 Cristellotti, 6 Volani (16 Mutinelli dal 20'st), 7 Deimichei, 8 Sceffer, 9 Calliari (15 Dossi dal 23’st), 10 Tisi (18 Tranquillini dal 36'st), 11 Benedetti. A disposizione: 12 Poli, 13 Parise, 14 Cunego, 15 Dossi, 16 Mutinelli, 17 Festa, 18 Tranquillini. All. Sig. Davide Zoller

ARBITRO: Sig. Scaramuzzino di Locri

NOTE: Ammoniti: Benedetti, Fuxa, Concli, Sceffer. Espulso Zoller per proteste al 37'pt, Benedetti al 3'st e Concli al 40'st entrambi per doppia ammonizione. Angoli: 8-3

Con un po' di fatica in più del previsto l'Union Pro archivia la pratica Mori S. Stefano, ottenendo in rimonta la sua terza vittoria consecutiva dopo i successi contro Triestina e Fontanafredda.
Gli uomini di mister Zoller, espulso per proteste a metà primo tempo così com'era accaduto nella partita d'andata, hanno onorato fino alla fine questo campionato ma al termine dei novanta minuti sono stati costretti ad alzare bandiera bianca e da stasera sono aritmeticamente retrocessi in Eccellenza. L'Union Pro, nonostante una partenza non delle migliori, ha dimostrato la sua superiorità tecnica conducendo la partita per lunghi tratti, specialmente nella ripresa quando ha sfiorato a ripetizione la rete della sicurezza, rischiando qualcosina solamente sulle palle inattive. Nell'undici iniziale schierato da mister Feltrin, quest'oggi premiato con la targhetta celebrativa per le sue prime 100 panchine alla guida dell'Union Pro, trovano spazio molte novità rispetto all'ultima apparizione della nostra squadra: a centrocampo ritorna titolare Marco Rossi, curiosamente proprio contro lo stesso avversario che lo aveva visto in campo dal principio per l'ultima volta oltre quattro mesi fa, Saitta va a occupare la fascia sinistra orfana di Igor Furlan mentre alle spalle dell'inedita coppia offensiva Visinoni-Cattelan il mister da fiducia al centrocampista veneziano Fuxa. 
Alla prima emozione la partita si sblocca: la nostra difesa si fa sorprendere da un lancio lungo al 5' che favorisce l'inserimento in area di Tisi, bravo a superare Ziliotto con un potente diagonale che si insacca sotto alla traversa. L'Union Pro fatica a reagire e la prima conclusione nello specchio avversario arriva solamente al 18' con una bella punizione dai venti metri di Cattelan che Rossatti è costretto a deviare in corner con un gesto atletico notevole. Al 20' Visinoni riesce a incunearsi nell'area trentina e cade dopo un contatto con un avversario ma per l'arbitro è tutto regolare. Due minuti dopo ancora un'opportunità per il nostro giovane attaccante che viene servito da un lancio lungo di Zanette ma perde l'attimo giusto per concludere ed è costretto a servire l'accorrente Fuxa, il quale viene intercettato dal recupero dell'avversario al momento del tiro. L'Union Pro gestisce il gioco ma non produce pericoli fino al 40' quando un'altro lancio lungo permette a Visinoni di avanzare indisturbato sulla fascia sinistra ma il suo cross è troppo lungo per favorire l'intervento dei compagni in area. Al 42' Serena prova a ripetere le gesta dell'andata sfiorando il palo alla sinistra di Rossatti dopo un tiro dalla distanza deviato dal difensore di turno. L'ultima occasione del primo tempo la propizia invece Busetto, il cui intelligente tocco sotto a smarcare in area Visinoni è un po' troppo lungo per evitare l'intervento in uscita del portiere. Nella ripresa la nostra squadra comincia subito col piede giusto e dopo neppure 1' Cattelan anticipa tutti in area su cross dalla destra di Niero ma il suo colpo di testa termina alto sopra la traversa. Al 3' episodio decisivo in area del Mori: Benedetti è costretto al fallo da ammonizione per impedire il tiro da ottima posizione di Visinoni rimediando il secondo giallo. Mori in dieci uomini e calcio di rigore per l'Union Pro che Busetto trasforma con freddezza spiazzando Rossatti e realizzando il suo quinto centro stagionale, sempre su rigore. La reazione del Mori arriva all'8', quando il colpo di testa di Concli su calcio d'angolo termina di poco a lato alla destra di Ziliotto. Tre minuti dopo il calcio di punizione tagliato di Cristellotti verso il centro dell'area trova il tocco con la punta del piede di Pruenster che però non trae in inganno un attento Ziliotto. Da questo momento in poi l'Union Pro produce il suo massimo sforzo alla ricerca del gol del sorpasso: al 14' Saitta fa tutto bene sulla fascia sinistra, trova il cross ma nessun compagno taglia in mezzo all'area e l'azione sfuma. Poco male perchè al 19' i nostri trovano il gol vittoria messo a segno dal neoentrato Lele Comin: bravissimo nell'episodio Marco Rossi, il cui assist liftato finisce proprio sui piedi del nostro attaccante, bravo a girarsi in area e a fulminare Rossatti con un preciso diagonale sottomisura. Un gol importante per Comin che non segnava in campionato dal 15 febbraio scorso quando firmò il pareggio contro la Sacilese. A questo punto l'Union Pro potrebbe dilagare e ci prova a ripetizione in un quarto d'ora denso di occasioni. Il primo a tentare la via del gol è Visinoni ma il suo tiro al 26' viene bloccato in due tempi da Rossatti. Al 29' azione personale di Cattelan sulla sinistra ma una volta entrato in area non riesce a prendere bene la mira e così la sua conclusione non inquadra lo specchio della porta. Al 30' Comin ci prova praticamente da fermo con uno splendido tiro a giro dei suoi dal vertice sinistro dell'area avversaria ma la palla esce a fil di palo. Al 32' ci prova anche un difensore come Niero ma la sua parabola dalla distanza non scende abbastanza per centrare la porta del Mori. Dopo un tentativo di Rossi al 35', è il neoentrato Casarotto a sfiorare il gol al 38' quando il suo diagonale, dopo l'assist da sinistra di Saitta, viene deviato sulla parte alta della traversa dal riflesso di Rossatti. Il Mori finisce la sua gara in nove visto che al 40' Concli si lascia cadere nella nostra area dopo aver cercato invano il contatto con Busetto, l'arbitro se ne avvede e gli sventola il secondo giallo sotto al naso. Al 44' altra opportunità per i nostri ma Saitta colpisce centralmente da ottima posizione e non impensierisce il portiere. Nel recupero il Mori si procura una punizione da posizione interessante al 47' ma Tranquillini calcia alle stelle. Sul capovolgimento di fronte altra ghiotta occasione per Casarotto ma stavolta il nostro ragazzo pecca di eccessivo altruismo e anzichè tirare cerca il passaggio in mezzo per il compagno facendosi deviare il pallone in corner. Il tiro dalla bandierina viene spizzato di testa da Cattelan ma termina alto di poco. Sembrerebbe finita qui ma i nostri concedono una punizione evitabile al Mori all'ultimissimo minuto. Cristelotti calcia bene in centro all'area ma Ziliotto è altrettanto bravo ad uscire di pugno allontanando così l'ultima minaccia. Nel dopopartita Feltrin non è apparso molto soddisfatto della prestazione dei suoi ragazzi specialmente nel primo tempo: "ci siamo fatti sorprendere alla prima occasione e poi non siamo riusciti a reagire come mi aspettavo anche perchè il Mori ci ha messo in difficoltà con il suo fraseggio. Eravamo lenti, macchinosi e con poche idee davanti. Nell'intervallo ho detto ai miei giocatori che in campo non si vedevano affatto i trenta punti di distanza in classifica tra noi e loro e fortunatamente siamo riusciti subito a pareggiarla. Il gol di Busetto ci ha ricaricato ma dopo aver ottenuto il vantaggio non siamo riusciti a chiuderla e abbiamo rischiato qualcosa nel finale. Possiamo fare meglio a partire dalla prossima trasferta di Mezzocorona, oggi sono contento solamente per il risultato e per il pieno recupero di Marco Rossi a centrocampo." ha concluso il nostro mister.
ANDREA SECCO


1 commenti:

  1. Sapevamo che questa con il Mori e la prossima con il Mezzocorona sono le partite più complicate da affrontare perchè in questa categoria non esistono squadre materasso e basta un calo di intensità o di concentrazione per passare da un filotto di vittorie ad uno di sconfitte... Perciò bravi i ragazzi ad aver reagito prontamente ad un primo tempo sottotono e ad essere riusciti a ribaltare il risultato. Ora non commettiamo più questo errore domenica prossima ! Sono contento in particolare per il ritorno al goal di Lele Comin che se lo meritava per l' esempio che ha dato in campo e fuori , fondamentale per spiegare il grande campionato dei nostri ragazzi. Bello vedere l' affetto de nostro pubblico nei suoi confronti anche ieri... Forza Union Pro !

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.