6 ottobre 2015

QUATTRO CHIACCHIERE CON... MICHAEL CHIARO


Nell'ingiusta sconfitta di Sedico contro il San Giorgio una delle note positive per l'Union Pro è arrivata dalla buona prestazione di Michael Chiaro schierato per la prima volta titolare nel tridente offensivo. Chiaro, classe '97, dopo aver giocato dai Giovanissimi fino alla prima squadra dell'Union Pro ha svolto la preparazione con il Mestre per poi tornare all'ovile. 
Michael ci spieghi innanzitutto la scelta di tornare a Mogliano?
«Sono stato fino a settembre con il Mestre, poi d'accordo con la società e l'allenatore ho deciso che per la mia crescita era meglio tornare all'Union Pro dove posso avere più spazio rispetto alla Serie D».
Domenica hai giocato fuori ruolo come attaccante esterno con buoni risultati, come ti sei trovato?
«Il mio ruolo naturale in effetti è quello di centrocampista o mezzala sinistra ma domenica viste le assenze mi sono adattato a giocare un po' più avanti e mi sono trovato abbastanza bene».
Dominare la ripresa non è bastato per fare punti, quanto brucia questa sconfitta?
«Si in effetti dopo un primo tempo giocato non benissimo dove abbiamo commesso un errore in occasione del gol di Solagna abbiamo fatto tanto gioco nel secondo tempo pur concretizzando poco. In ogni caso non meritavamo sicuramente di perdere ma la strada è quella giusta».
Dopo 5 partite ti sei già fatto un'idea su dove può arrivare questa squadra?
«Partiamo con l'obiettivo di salvarci ma se riusciremo a centrarlo in fretta punteremo a toglierci altre soddisfazioni».
Domenica arriva il Treviso (che oggi ha esonerato Susic prendendo Ottoni), pronostico? 
«Come tutti i derby sarà una partita aperta a qualsiasi risultato. Noi possiamo solo promettere di dare il massimo come stiamo facendo e poi vedremo cosa succederà». 
                                                                                                                                           Alberto Duprè

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.