3 febbraio 2016

QUATTRO CHIACCHIERE CON... GIANLUCA DELPAPA


In attesa della sentenza del giudice sportivo, che dovrebbe dare i 3 punti a tavolino all’Union Pro, commentiamo la prima sconfitta del 2016 (sul campo) con il jolly Gianluca Delpapa classe ’93 ex Treviso.
Cosa non ha funzionato domenica? 
«Abbiamo fatto un primo tempo buono, dopo il gol subìto a freddo abbiamo avuto una buona reazione creando più di un’occasione per pareggiare. Nel secondo tempo invece siamo andati subito in difficoltà facendo poco filtro davanti alla difesa, potevamo prenderne anche 4 di gol. Detto questo la Godigese è comunque una buona squadra, è incredibile che siano penultimi in classifica». 
Cosa dovete fare per non ripetere gli stessi errori? 
«Come ci ha detto il mister alla ripresa degli allenamenti dobbiamo cambiare registro, essere più affamati e avere più voglia di vincere. Abbiamo sbagliato atteggiamento e non ce lo possiamo permettere se vogliamo tirarci fuori al più presto dalla zona playout». 
Dal campo vi eravate accorti subito dell’errore della Godigese nelle sostituzioni dei fuoriquota? 
«Si ci avevano informato subito dalla panchina dell’errore e da lì in poi si è giocato in un clima quasi irreale sapendo che il risultato del campo non aveva più valore». 
Contro Feltrese e Godigese non si è vista la stessa voglia di vincere che avete avuto contro la capolista Vigontina, come te lo spieghi? 
«Mentalmente è più facile preparare le partite contro le prime della classe perché vai in campo non avendo niente da perdere. Quando invece sei quasi obbligato a vincere le cose si complicano ma dobbiamo reagire alla svelta già domenica contro il Sedico che è una squadra abituata a lottare e che si è anche rinforzata a dicembre. Il girone è equilibratissimo, non ci sono squadre materasso e ogni domenica si può vincere o perdere contro tutti». 
A parte portiere e centravanti hai giocato in tutti i ruoli, dove ti trovi meglio? 
«Il mio ruolo preferito è quello di mezzala ma mi adatto alle esigenze del mister e della squadra giocando dove serve. Il vero problema sarebbe finire in panchina, allora si inizierei a preoccuparti». 
Rischio che sembra scongiurato visto il suo ottimo rendimento, dopo un turno di riposo in tribuna causa squalifica Gian sarà al massimo per affrontare il Treviso nel suo ex stadio. 
Alberto Duprè
 

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.