9 febbraio 2016

QUATTRO CHIACCHIERE CON... NICOLO' VISINONI


Nicolò Visinoni, attaccante classe ’95, domenica contro il San Giorgio Sedico ha segnato il suo primo gol della sua seconda “vita” in maglia Union Pro. Dopo aver chiuso la scorsa stagione in Serie D a Mogliano Nicolò aveva tentato l’avventura al Montebelluna ma da gennaio è tornato a vestire la casacca biancoblu. 
La tua rete purtroppo non è servito per vincere, si può parlare di mezzo passo falso?
«Pareggiare contro il San Giorgio è quasi come aver perso. Nel primo tempo potevamo anche chiuderla sul 2 a 0 vista la traversa di Luise e qualche altra occasione, poi nella ripresa siamo invece calati anche a causa del campo che era davvero tanto pesante per la pioggia. Nonstante questo eravamo riusciti a difenderci bene rischiando poco ma ad un minuto dal 90' abbiamo preso il pareggio. Le 3 sfide salvezza le abbiamo tutte fallite visto che avevamo pareggiato anche contro la Feltrese mentre contro la Godigese sul campo abbiamo perso anche se dovrebbe arrivare la vittoria a tavolino. Abbiamo perso l’occasione per toglierci dalla zona playout anche se la salvezza diretta è lontana solo un punto». 
Ci spieghi la tua scelta di tornare all’Union Pro? 
«Diciamo che ho scelto con il cuore. Dopo l’esperienza di Montebelluna ho avuto qualche altra richiesta dalla Serie D e da squadre di Eccellenza che lottano per la promozione (Vigontina e Real Martellago ndr) ma avevo dato la mia parola che a parità di categoria avrei scelto Mogliano anche per una questione di rispetto con il presidente Marco Gaiba. Sono andato sul sicuro conoscendo la serietà e la professionalità della società. In più è un piacere anche andare ad allenarsi visto che condivido il viaggio con il “Gruppo del Lido” che comprende Fuxa, Ginocchi, Lazzari e Noè». 
Domenica andate ad affrontare un Treviso che è tornato in piena lotta per la promozione, servirà un’impresa per portare a casa punti? 
«Se abbiamo battuta la Vigontina prima in classifica vuol dire che questa squadra ha dei valori. Siamo un grande gruppo e non è il classico modo di dire, ci alleniamo al massimo e sono sicuro che presto ci toglieremo dalla zona retrocessione». 
Secondo te su chi dovete fare la corsa fra quelle che vi stanno davanti? 
«Il Cornuda Crocetta dai risultati mi sembra un po’ in calo ma resta un campionato molto equilibrato dove ogni domenica può scapparci la sorpresa. In questo momento dobbiamo solo pensare a sudare dando il massimo, con due vittorie di fila si possono scalare molte posizioni in classifica cambiano le nostre prospettive». 
Alberto Duprè 

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.