7 marzo 2016

IL PUNTO DI VISTA TECNICO CON MISTER COMINOTTO


L’allenatore Francesco Cominotto domenica aveva l’espressione perplessa di chi stava già assaporando la terza vittoria di fila ed invece alla fine si è dovuto accontentare di un punto che lascia la sua squadra a metà del guado. 
Mister a bocce ferme si può parlare di due punti persi visto l’andamento della gara? 
«Dipende da in quale momento si analizza la partita: vista sul 3 a 1 sono ovviamente due punti persi ma alla fine abbiamo anche rischiato di perderla quindi direi che va bene così. Non siamo stati bravi ad amministrare la partita con il doppio vantaggio. Bravi loro a credere nella rimonta ma ci sono anche demeriti nostri». 
Alla viglia avevi parlato di prova di maturità, esame quindi rimandato? 
«Direi di sì. La prova di maturità va valutata nell’arco dei 90 minuti e in questa occasione non l’abbiamo superata. Sul 3 a 1 dovevamo riuscire a gestire meglio la partita, mi ci metto io per primo come allenatore. Il Martellago ha cambiato modulo passando al 3-5-2 e da lì in poi siamo andati un po’ in difficoltà». 
Sul 3 a 3 ci sono stati anche un paio di episodi arbitrali che vi hanno penalizzato. 
«Sì, sul gol di Visinoni è stato fischiato un fallo a Lazzari che ha lasciato parecchi dubbi. Sulla punizione di Bolchi invece c’è stata una netta deviazione con il braccio alzato in barriera non vista da arbitro e assistente. Sono due episodi che potevano cambiare il risultato ma non dobbiamo aggrapparci a questo per giustificare il pareggio». 
A rovinare del tutto la giornata sono arrivate anche le vittorie di San Giorgio Sedico e Cornuda Crocetta. 
«Si, con questi risultati siamo a un solo punto dalla zona playout. E’ una classifica incredibile con tante squadre vicinissime e tanto equilibrio. Alla vigilia non avrei pensato con un pareggio di trovarmi in questa posizione, la cosa ci insegna che non dobbiamo mai abbassare la guardia». 
Alberto Duprè
 

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.