10 aprile 2016

BOLCHI E BOUNAFAA STENDONO IL SAN DONA' VITTORIA FONDAMENTALE PER LA LOTTA SALVEZZA

SAN DONA’ 1 UNION PRO 2 
MARCATORI: pt 25’ Bolchi, 41’ Bounafaa su rigore; st 8’ De Freitas su rigore. 
SAN DONA’ (4-4-2): D’Este; Ballarin, De March, Ton, Zamuner; Costantini, D’Amico (st 28’ Mone), Di Prisco, Yarboye (pt 10’ Nicoletti; st 27’ Soares); Pedrozo, De Freitas. 
PANCHINA: Saltarel, Vivan, Mone, Bortolotto. 
ALLENATORE: Stefano Andretta. 
UNION PRO (4-3-3): Noè; Fontolan, Ginocchi, Bonotto, Vianelli (st 42’ Mariuzzo); Delpapa, Luise, Morina; Bounafaa, Visinoni (st 38’ Fuxa), Blochi (st 10’ Bidogia). 
PANCHINA: Pomiato, Ballarin, Sammarone, Borghetto. 
ALLENATORE: Francesco Cominotto.
ARBITRO: Sbardella della sezione di Belluno.
ASSISTENTI: Ongarato della sezione di Castelfranco e Gibin della sezione di Chioggia.
NOTE - Allontanato l’allenatore del San Donà Andretta al 16’ st per proteste. Ammoniti: Di Prisco, De Freitas, Morina, Ginocchi, Bounafaa, Vianelli. Calci d’angolo 10 a 1 per il San Donà. Recupero: pt 1’, st 5’. Spettatori 300 circa. 

SAN DONA’ DI PIAVE - L’Union Pro conferma ancora una volta la sua fama di ammazza grandi espugnando lo stadio “Zanutto” di San Donà per 2 a 1 prendendosi 3 punti vitali per la salvezza e facendo perdere il primato alla squadra di Stefano Andretta. A 180’ dalla fine del campionato la salvezza non è ancora matematica (3 i punti di vantaggio sull’Union QDP avversaria nell’ultima giornata) ma la vittoria di oggi è un passo determinante oltre ad un carico di autostima fondamentale per il rush finale. Dopo il primo tempo chiuso sul 2 a 0 il San Donà ha riaperto la partita con un rigore dubbio ad inizio ripresa. Da lì in poi è stata sofferenza pura ma vincere così dà ancora più soddisfazione, mettiamola così...
CRONACA PRIMO TEMPO - Al 10’ locali subito costretti ad un cambio per l’infortunio muscolare di Yarboye che lascia il posto a Nicoletti. Al 15’ prima palla gol: Pedrozo dalla destra mette in area rasoterra per De Freitas che, anche per l’opposizione di Ginocchi, in scivolata mette di poco sul fondo. Al 25’ al primo tiro in porta l’Union passa in vantaggio. Bolchi calcia una punizione da oltre 22 metri con un destro secco e potente che aggira la barriera superando l’immobile D’Este: una vera perla balistica dopo tanti pali e traversa. Al 33’ veneziani vicini al pareggio. Zamuner dal corner mette teso a centro area dove De Freitas ruba il tempo a tutti di testa sfiorando la traversa. Al 37’ numero da circo di Bolchi con un doppio dribbling in area concluso con un destro respinto dalla difesa. Al 40’ Bounafaa triangola con Delpapa ed entra in area dalla destra crossando al centro dove Di Prisco tocca con la mano larga. L’arbitro assegna il rigore che lo stesso Bounafaa trasforma con un sinistro rasoterra che spiazza il portiere. 
CRONACA SECONDO TEMPO - Ad inizio ripresa il San Donà riapre subito la partita sempre dal dischetto. Al 7’ su un cross dalla destra D'Amico anticipa Ginocchi che lo sfiora appena, il direttore di gara assegna il penalty De Freitas trasforma con una botta di destro centrale. A questo punto i padroni di casa si buttano tutti in avanti per ribaltare il risultato costringendo l’Union sulla difensiva. Al 25’ Pedrozo si libera in area sulla sinistra e batte di destro con Fontolan che si immola respingendo il tiro. Al 38’ su punizione di Di Prisco D’Amico sfiora di testa facendo carambolare la palla sulla testa di Bonotto: sul pallone vagante Costantini prova la mezza rovesciata che sfiora il palo. L’ultima occasione per il pari arriva al 5’ di recupero ma il destro a giro di Pedrozo si perde alto e i giocatori e i tifosi dell’Union Pro possono così fra esplodere la propria gioia. Domenica in casa contro l’Istrana servirà un altro sforzo per strappare il pass salvezza. 
ALTRI RISULTATI - Istrana 2 Saonara Villatora 1, Liapiave 1 Careni Pievigina 2, Godigese 5 Feltrese 0, Cornuda Crocetta 1 Real Martellago 2, Vigontina 1 Treviso 2, Nervesa 1 San Giorgio Sedico 1, Union QDP 2 Vittorio Falmec 2. 
Alberto Duprè 

1 commenti:

  1. Una grande vittoria, sofferta ma voluta e meritata che ci avvicina al nostro obiettivo. Stiamo dimostrando di non essere inferiori a nessuno dal punto di vista del gioco, ora avanti così per prenderci la salvezza domenica prossima in casa con i nostri tifosi !

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.