24 settembre 2016

DOMANI ESORDIO A MOGLIANO CONTRO LA LIVENTINA (ORE 15 E 30) - GIANLUCA DEL PAPA FUORI 40 GIORNI CONTRO IL SAN DONA' SI GIOCA SABATO 1 OTTOBRE

Nella terza giornata di campionato l’Union Pro ospita la Liventina di Mauro Conte neoretrocessa dalla Serie D e subito desiderosa nel tornare nella massima serie interregionale (si gioca a Mogliano alle 15 e 30, arbitra Terribile della sezione di Bassano del Grappa). In classifica la squadra di Mauro Conte vanta 4 punti ed è reduce dal sonante 4 a 0 rifiliato al Cornuda mente l'Union ha un solo punto preso all'esordio contro il Portomansuè.

INDISPONIBILI - Il più grave dell’infermeria è il centrocampista Gianluca Dalpapa che a Favaro ha rimediato una distorsione al comparto mediale della caviglia: tempi di recupero stimati in un mese, un mese e mezzo. In caso di rottura del legamenti del comparto mediale i tempi di recupero sarebbero quasi raddoppiati arrivando a 3 mesi. Il centrocampista Alessandro Luise ha invece ripreso a correre e se tutto va bene potrebbe essere convocato per la partita contro San Donà. Tempi da stabilire per gli altri due centrocampisti infortunati Alberto Gaiba (pubalgia da sottoporre a visita specialistica) ed Alessandro Borghetto (fastidi al ginocchio). Il portiere Noè, al rientro in coppa, ha sofferto un dolore al quadricipite che verrà valutato nella giornata di oggi. Infine il centrocampista Giulio Scanferlato sta lentamente trovando la condizione dopo l’operazione ai legamenti che lo ha fatto tribolare.

ANTICIPO -  La prossima partita contro il San Donà si giocherà ancora a Mogliano e verrà anticipata a sabato 1 ottobre. La società veneziana aveva chiesto l'inversione di campo essendoci a San Donà una manifestazione che blocca le vie d'accesso allo stadio per tutta la giornata.

PREPARTITA - Il mister Francesco Cominotto prima di concentrarsi sul prossimo avversario fa un passo indietro per commentare la sconfitta il coppa contro la squadra di Marchetti: «Contro l’Istrana abbiamo fatto bene nel primo tempo, forse la miglior prima frazione giocata in questo avvio di campionato. Della ripresa invece mi è piaciuto poco perché li abbiamo lasciati troppo giocare. Non penso siano state decisive le motivazioni, è che a noi è mancata la voglia di vincere e di portare a casa la partita». 

L’esordio al centro della difesa di Malerba come lo valuti? 
«Massimo ha fatto molto bene nel primo tempo mentre nella ripresa ha ovviamente pagato il calo di condizione fisica. Ho voluto lasciarlo in campo per 90’ proprio per fargli ritrovare il ritmo gara visto che era fermo da 9 mesi dopo l’operazione ai legamenti crociati. L’ho visto andare deciso nei contrasti e questo vuol dire che anche a livello psicologico ha superato l’infortunio. Gli serve mettere ancora minuti nelle gambe e poi sarà apposto». 

Domenica a Mogliano arriva la Liventina che non nasconde le sue ambizioni di puntare in alto, come la si affronta?
«E’ una squadra molto ostica che all’apparenza non ha punti deboli. Dall’età media elevata si capisce che l’esperienza non gli difetta. L’attacco è il punto di forza con Furlan, Miolli (2 gol a testa), Florean e Scian tutti giocatori di categoria. In coppa hanno rifilato un 3 a 0 al San Donà che penso dica molto. Detto questo noi di solito contro le squadre favorite moltiplichiamo le motivazioni facendo sempre buone gare. Torniamo a giocare a Mogliano che anche se l’anno scorso non ci ha portato tanto bene resta un campo che ci permettere di esprimere le nostre caratteristiche che si basano su tecnica e velocità»
 Alberto Duprè
 

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.