23 gennaio 2017

IL PUNTO DI VISTA TECNICO CON MISTER COMINOTTO


L’allenatore Francesco Cominotto domenica fuori dagli spogliatoi dello stadio “Samassa” di Motta era visibilmente soddisfatto e orgoglioso per aver visto la sua squadra battere per 2 a 1 la corazzata Liventina seconda in classifica. La quarta vittoria consecutiva (13 punti nelle ultime 5 partite) ha confermato l’ottimo momento dell’Union Pro che dopo un primo tempo timoroso ha dominato la partita rimontando lo svantaggio del capocannoniere Federico Furlan con i gol di Enrico Moretto e Ayoub Bounafaa. 

Mister è stata la miglior partita della stagione? 
«Penso di si considerando il valore dell’avversario, è stata una vittoria meritata e quindi la soddisfazione è doppia. Sono fiero dei ragazzi per l’enorme gioia che mi hanno dato». 

A fine primo tempo cosa hai detto alla squadra per dare la scossa? 
«Nell’intervallo ho detto ai ragazzi che erano scesi in campo con troppo timore reverenziale e che non cambiavo nessuno perché era solo un discorso di testa e non di modulo o di singoli. Nel primo tempo li abbiamo lasciati giocare e non eravamo precisi nei passaggi e nelle uscite poi ci siamo sbloccati mentalmente e abbiamo preso in mano la partita». 

Dopo aver battuto la favorita del campionato cambiano gli obiettivi? 
«No l’obiettivo resta sempre salvarsi il prima possibile quindi per noi non cambia nulla. Siamo giovani e vogliamo diventare un po’ una mina vagante del campionato, quando entriamo in campo con l’atteggiamento giusto facciamo ottime cose». 

Moretto ha segnato 5 gol in 4 partite, è quello che vi mancava per fare il salto di qualità? 
«Enrico è sicuramente un valore aggiunto per noi. La squadra adesso ha un atteggiamento diverso e lui è bravo a capitalizzare il gioco che facciamo. Ci mancava Visinoni ma abbiamo trovato i gol su azione di Ayoub (Bounafaa ndr) e anche Fulchignoni ha avuto un buon impatto sulla partita quando è entrato». 
Alberto Duprè

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.