21 marzo 2017

IL PUNTO DI VISTA TECNICO CON MISTER COMINOTTO


L’Union Pro con il 4 a 1 rifilato al Cornuda Crocetta ha raggiunto i 37 punti in classifica che valgono la salvezza virtuale. Da qui in poi si proverà a migliorare il sesto posto puntando a scavalcare Real Martellago e Nervesa per giocarsi un eventuale playoff contro il San Donà tenuto conto però che ad oggi gli spareggi non ci sarebbero visto il distacco fra seconda e terza (10 punti fra Liventina e San Donà). 
L’allenatore Francesco Cominotto (che proprio oggi compie 42 anni, tanti auguri!) a fine partita era logicamente soddisfatto per la quarta vittoria nelle ultime 5 partite dei suoi ragazzi. 

Mister dopo un primo tempo dove avete un po’ sofferto siete usciti nella ripresa anche grazie al rigore e l’espulsione. Era la partita ostica che ti aspettavi alla vigilia? 
«Siamo partiti forte prendendo poi il pareggio su una nostra disattenzione che voglio rivedere e nel finale di tempo potevamo riportarci avanti con l’occasione avuta da Piccolo. All’intervallo ho visto i ragazzi un pochino tristi ma gli ho ribadito che stavamo affrontando una delle squadre più in forma del campionato e quindi era normale soffrire un po’. Il rigore con l’espulsione di Bonotto è chiaro che è stato decisivo ma noi siamo stati poi bravi ad approfittarne nel modo migliore, non era scontato riuscire a vincere in 10 contro 11. Siamo stati bravi a trovare gli spazi e le giocate giuste per trovar l’uomo libero, è stata una partita che mi ha divertito parecchio». 

Con la salvezza ormai al sicuro, nelle ultime 5 partite l’obiettivo è il quarto posto adesso? 
«Diciamo che ci mancano 2 punti per stare tranquilli del tutto, poi eventualmente proveremo a vedere se c’è possibilità di arrivare quarti ma intanto godiamoci questi 3 punti. Andiamo a Sedico ad affrontare la prima in classifica con la consapevolezza di essere tranquilli e di poter fare una buona gara».  

Dopo il turno di “riposo” contro l’Union QDP Moretto e Bounafaa sono tornati devastanti. 
«Il nuovo modulo (3-4-3) che avevamo presentato a Moriago va ancora messo a punto soprattutto nei meccanismi offensivi ed è anche per quello che Enrico e Ayoub non erano stati incisivi come al solito. Poi il fatto di giocare su un campo grande come il nostro è sicuramente un vantaggio per le loro caratteristiche». 
Alberto Duprè
 

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.