27 maggio 2017

PRIMA INTERVISTA CON IL NUOVO ALLENATORE STEFANO BERTO - SI RIPARTE DAL 4-3-3 CON OBIETTIVI AMBIZIOSI


L’Union Pro per sostituire Francesco Cominotto che ha dovuto lasciare per motivi personali (la moglie Paola è nuovamente in dolce attesa, tanti auguri!) ha scelto in casa promuovendo Stefano Berto che dopo 4 anni di settore giovanile fra Mogliano e Mestre, da gennaio era tornato a collaborare con gli Allievi Élite di mister Fabio Giuman aiutandoli a mantere la categoria dopo lo spareggio salvezza contro l’Union Campo San Martino. 

CURRICULUM - Lungo l’elenco delle squadre allenate da Berto in carriera. Trebaseleghe Giovanissimi Regionali (2 anni), Mira Juniores Regionali, Miranese Juniores Regionali (più 8 partite in Eccellenza), Ambrosiana in Promozione (2 anni), Marcon (3 anni con una promozione dalla Seconda alla Prima categoria), Union Pro Allievi (3 anni), Mestre Allievi. 

INTERVISTA - Nella prima chiacchierata con il nuovo allenatore gli chiediamo come intende lavorare e qual è l’obiettivo di partenza anche se è presto per conoscere il potenziale delle altre squadre in pieno calcio mercato e con l’organico dell’Eccellenza ancora da definire. 

Mister ti aspettavi questa chiamata per allenare in Eccellenza? 
«Arrivare ad allenare la prima squadra dell’Union Pro era un mio obiettivo fin da quando Bernardo Chinellato mi aveva convinto a fare 3 anni di settore giovanile a Mogliano dove ho imparato tantissimo. Quando il presidente Marco Gaiba (ex compagno di squadra a Favaro dove hanno vinto un campionato ndr) mi ha chiamato ci ho messo 5 minuti a decidere e trovare l’accordo perché mi sento pronto e contento dell’opportunità. Oltre al presidente voglio ringraziare il direttore generale Sandro Lunian e il responsabile del settore giovanile Bernardo Chinellato per la fiducia che mi hanno dato. Anche nel mio staff ho voluto coinvolgere il più possibile la famiglia Union Pro: il preparatore atletico sarà Francesco Stefanelli che continuerà anche a seguire la Juniores, i portieri saranno affidati a Loris Marton che ha appena smesso e sta facendo il corso mentre come vice allenatore è stato confermato Alberto Gionco che è una garanzia». 

Quale sarà il modulo di partenza della tua nuova Union Pro? 
«Il 4-3-3 è il mio sistema di gioco preferito che in certi casi varierà nel 4-2-3-1. Con me non si vedrà mai la difesa a 3 perché penso che ci voglia tantissimo tempo per assimilarla e noi con 3 allenamenti a settimana non ne abbiamo. Quindi il punto cardine sarà la difesa a 4 mentre il resto si può anche variare. Due cose nelle mie squadre non devono mai mancare: voglia di fare e testa. Poi ovviamente cercherò di trasmettere il mio carattere e il mio modo di vedere il calcio alla squadra. Ringrazio il mio predecessore Cominotto per l’ottimo lavoro fatto e perché si è reso disponibile a darmi una mano per eliminare qualche errore del passato». 

Il grosso della squadra dovrebbe essere confermato. Anche se è ancora presto per fare pronostici, con che obiettivi partite? 
«Dobbiamo essere bravi a fare quel saltino in più che ci manca per poter puntare alla zona playoff. La base della squadra dovrebbe rimanere, stiamo cercando 2-3 elementi nuovi e valutando bene i giovani anche del 2000. Chi arriverà però dovrà fare la differenza altrimenti abbiamo giocatori in grado di ricoprire più ruoli come già fatto la scorsa stagione». 

RADUNO - L’inizio della preparazione è fissato per lunedì 7 agosto a Preganziol con la squadra che poi si allenerà anche nell’impianto di San Trovaso. 
Alberto Duprè
 

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.