19 ottobre 2017

IL PUNTO DI VISTA TECNICO CON MISTER STEFANO BERTO


L’Union Pro contro il Saonara Villatora ha raccolto il primo 0 a 0 della stagione. Fosse stato un match di pugilato la vittoria sarebbe arrivata ai punti ma nel calcio vince chi la butta dentro e contro la diga eretta dai padovani non c’è stato verso vuoi per la bravura del loro portiere Baldan vuoi per l’imprecisione sotto porta dei biancoblu. 

Mister contro una squadra che concede pochissimo le occasioni le avete avute ma non è bastato per vincere. 
«Avevo detto ai ragazzi che ci sarebbero capitate una o due occasioni in tutto e avremmo dovuto essere pronti a sfruttarle. Per bravura del loro portiere e per un po’ di imprecisione nostra non ci siamo invece riusciti pur creando almeno due palle gol nel primo tempo e due nel secondo. Serviva un po’ più di cattiveria contro una squadra che concede poco. Il Saonara non gioca, la prima palla che ha avuto il portiere perdeva già tempo... Noi comunque dobbiamo guardare in casa nostra e dovevamo fare di più per prendere i 3 punti. Queste sono le partite che rischi anche di perdere dopo aver dominato magari su qualche palla inattiva. Loro aspettano fino alla fine per provare il colpaccio». 

Quando è entrato Ballarin ci si aspettava che togliessi un centrocampista per provare il tutto per tutto. 
«Si poteva fare anche il 4-2-3-1 tenendo dentro Visinoni e aggiungendo Ballarin giocando con 4 punte ma per me l’equilibrio è fondamentale. Se poi perdi la partita è perché avevi 4 punte in campo anche se io non guardo le critiche. Abbiamo creato fino all’ultimo mantenendo il 4-3-3, concedere 4 attaccanti all’avversario non è mai facile anche perché non c’erano le avvisaglie di un nostro forcing, anzi loro hanno fatto meglio nella ripresa che nel primo tempo. Con loro chiusi in difesa non era poi automatico che mettendo una punta in più ci fossero più spazi, è tutto da dimostrare». 

Fra i giovani bene Mezzato e Coin impreciso sei d’accordo? 
«Si, una nota di merito va senza dubbio a Mezzato che è entrato con lo spirito giusto non sbagliando praticamente nulla. Bene anche Zanatta, ha avuto anche l’occasione per segnare ma ha calciato troppo pulito, in queste occasioni i ragazzi non devono chiedere “permesso” ma metterci più cattiveria. Coin in effetti ha giocato un po’ sottotono, non gli sono riuscite quelle giocate semplici che di solito sa fare ma ci sta la giornata no». 
Alberto Duprè
 

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.